uomo bruciato password

Dedi Purnama, 26 anni, stava riparando il tetto della sua casa, in Indonesia, quando è iniziata una accesa discussione con sua moglie. La donna, Ilham Cahyani di 25 anni, avrebbe infatti chiesto al marito di darle la password per sbloccare il suo cellulare. Il rifiuto dell’uomo, secondo quanto riportato da fonti locali, avrebbe fatto infuriare Cahyani: a procurare una reazione tanto accesa da parte della donna sarebbero stati motivi di gelosia. Il sospetto era probabilmente quello che l’uomo nascondesse alla moglie alcuni messaggi.

Uno schiaffo, poi la vendetta

L’uomo, sceso dalla scala per affrontare la moglie, l’avrebbe colpita.

Un gesto che la donna non ha tollerato. Ha infatti afferrato una tanica di benzina per poi cospargere il marito di liquido infiammabile. Poi il gesto irrimediabile: la donna ha preso un accendino e ha dato alle fiamme il corpo del marito.

Brucia vivo il marito: non voleva dargli il pin del cellulare

Fonte immagine: AsiaWire

L’intervento dei vicini spaventati dalle fiamme

Le fiamme avrebbero richiamato l’attenzione di alcuni testimoni, riporta l’International Business Times. Al loro arrivo uno spettacolo orribile: il corpo del  giovane era infatti completamente avvolto dalle fiamme. Da lì la corsa in ospedale per trattare le ustioni, che – come emerge dalle immagini – erano di terzo grado.

Complice della tragedia anche il caldo umido dell’isola di Lombok, non lontana da Bali. L’uomo indossava infatti abiti molto leggeri, che non lo hanno protetto dalle fiamme.

L’agonia in ospedale

I medici hanno trattato tempestivamente le ustioni sul corpo del giovane. Per 48 ore, infatti, sono stati fatti tutti gli sforzi possibili per salvargli la vita. Le ferite, tuttavia, erano troppo estese e profonde. L’uomo – dopo una lunga agonia – non ce l’ha fatta.

Brucia vivo il marito: non voleva darle il pin del cellulare

Fonte immagine: AsiaWire

L’arresto della donna da parte delle autorità indonesiane

La donna sarebbe stata immediatamente arrestata e sarebbe attualmente in mano alle autorità. Non è ancora chiaro quali siano le accuse a suo carico, sebbene non manchino i testimoni che hanno assistito al tragico gesto.

Immagine iniziale: AsiaWire