Giudice di Forum sospeso

Quello di Francesco Foti è un volto noto per chi segue la trasmissione televisiva Forum. Live Sicilia ha raccontato che il giudice del programma TV è stato intercettato dalle cimici della Guardia di Finanza mentre parlava con l’avvocato Mariolino Leonardi, arrestato per riciclaggio e bancarotta fraudolenta. Il tema della loro conversazione è perfettamente coerente con i reati che hanno fatto scattare le manette per Leonardi.

Francesco Foti parla di riciclaggio

Le intercettazioni che hanno fatto finire Francesco Foti nel mirino della Procura di Catania riportano le conversazioni tra lui e l’avvocato Mariolino Leonardi e risalgono al 2016. La Procura sta predisponendo gli approfondimenti del caso su ciò che è emerso dalle intercettazioni, ma ha specificato che al momento Foti non si trova sotto indagine.

Proprio seguendo Mariolino Leonardi, gli inquirenti hanno scoperto che i due si conoscevano.

Secondo quanto riportato da Live Sicilia, pare infatti che Leonardi sia entrato all’interno di un ristorante in cui ha incontrato il giudice di Forum e Leonardo Ferlito, procuratore legale dello studio di Foti, arrestato nel 2017 per concorso esterno nell’ambito della maxi inchiesta sul clan Rinzivillo di Gela e i rapporti con la Roma “bene”. Pare proprio che prima di essere arrestato Ferlito fosse stato intercettato mentre baciava la mano al boss di Gela Salvatore Rinzivillo.

Francesco Foti, giudice di Forum, sospeso

L’avvocato Francesco Foti a Forum

Nelle intercettazioni raccolte dalla Procura di Catania, Foti chiede a Leonardi come costituire una società all’estero e Leonardi si diletta a spiegargli tutto il sistema attraverso il quale farlo. L’avvocato finito in manette gli consiglia di fondare una società in Croazia dove è possibile creare società anonime, in modo che in Italia non si risulti proprietari di niente.

Foti annuncia che lo metterà in contatto con un suo cliente. Il cliente di cui parla Foti non è uno qualunque, come spiega lui stesso.

Infatti, il suo cliente si occupa di fare transazioni e finanziamenti in false società francesi, un sistema che Foti conosce molto bene e che spiega magistralmente all’avvocato Leonardi che gli chiede come funziona la cosa. Foti racconta di una fitta rete di persone e di tantissimi soldi che, prestanome per prestanome, fanno sì che queste operazioni vadano a buon fine, operazioni che, come ammette lui stesso, se scoperte comporterebbero una condanna al suo cliente per riciclaggio di denaro sporco.

Brusca e i pentiti: Francesco Foti si difende

Come riporta Live Sicilia, il giudice di Forum avrebbe anche parlato di rapporti con Giovanni Brusca e altri pentiti, ma non è ancora chiaro in che contesto discorsivo questi nomi siano stati pronunciati. Al di là dei riferimenti ai collaboratori di giustizia, la conversazione intercettata tra Francesco Foti e Mariolino Leonardi appare quasi come un confronto tra due affaristi senza scrupoli.

Giudice di Forum sospeso dal programma

L’avvocato Francesco Foti a Forum

A Live Sicilia, Francesco Foti ha inizialmente sostenuto di non conoscere affatto Mariolino Leonardi, salvo ammettere poi, ieri sera intorno alle 18,00, che in realtà l’aveva incontrato, ma solo una volta. Si è così difeso il giudice di Forum ai microfoni della testata sicula: “Ho raccontato di un processo di cui mi stavo occupando, per parlare di qualcosa, visto che non avevo nulla da dire a questo personaggio, ho raccontato questo processo che avevo in mano, né più, né meno“.

Intanto, Mediaset ha deciso di sospendere la collaborazione con il giudice di Forum. In una nota si legge: “Recenti indiscrezioni di stampa relative a un’inchiesta condotta dalla Procura di Catania menzionano, tra gli altri, anche l’avvocato Francesco Foti, noto al pubblico per essere uno dei giudici del programma televisivo ‘Forum’ in onda sulle reti Mediaset. In proposito, la società Corima che cura la produzione esecutiva del programma, ha informato Mediaset di aver sospeso temporaneamente e in via prudenziale il rapporto di collaborazione con l’avvocato Foti, in attesa che venga chiarita la posizione di quest’ultimo“.