Soffoca nella culla, inutile la corsa in ospedale per una bimba di 7 mesi

Vittima di una sfortunata serie di complicanze mediche, una neonata di soli 7 mesi è morta a Vicenza nella giornata di ieri. La vicenda della piccola è iniziata nella sera del 23, quando i genitori si sono resi conto che qualcosa non andava. La bambina, infatti, era all’interno della culla e non respirava. La madre avrebbe tentato di farla riprendere in tutti i modi, ma gli sforzi non sono andati a buon fine.

L’intervento del 118

L’arrivo dell’ambulanza nel piccolo comune di Grumolo delle Abbadesse è stato immediato. I medici sono riusciti ad intervenire in tempi brevissimi, riuscendo a far battere nuovamente il cuore della bambina.

Nonostante il successo nel rianimare la neonata, le condizioni sono apparse già molto critiche.

L’ambulanza è giunta immediatamente all’ospedale San Bortolo di Vicenza. Ciò ha permesso il tempestivo ricovero nel reparto di terapia intensiva pediatrica. Nella notte tra mercoledì e giovedì i medici hanno tentato in ogni modo di far sopravvivere la piccola. Nella mattinata successiva, tuttavia, il suo cuore ha smesso di battere. Sarebbe infatti sopraggiunto un arresto cardiaco, senza ulteriori possibilità di intervenire.

Soffoca nella culla, inutile la corsa in ospedale per una bimba di 7 mesi

Le cause del malore, un problema purtroppo frequente

Possono essere numerose le cause che portano i neonati a smettere improvvisamente di respirare. Ma all’origine di questa sfortunata vicenda sarebbe stato un problema particolarmente comune. Secondo quanto riportato da una fonte locale, L’Eco Vicentino, non vi sarebbero infatti dubbi. A causare la crisi respiratoria nella neonata sarebbe stato un rigurgito gastroesofageo. Come può capitare, infatti, i bambini molto piccoli possono non riuscire a riprendere a respirare normalmente da soli, portando a problemi molto seri. Ad intervenire sul posto anche i Carabinieri.

È stato infatti necessario aprire un fascicolo in Procura.

carabinieri