Beppe Grillo torna in RAI: piovono le critiche delle opposizioni

Beppe Grillo tornerà su Rai2 lunedì in prima serata non con uno spettacolo dal vivo ma con uno speciale che ripercorre i suoi 40 anni di carriera come comico, come precisa una nota della RAI. In sostanza, C’è Grillo sarà un montaggio dei suoi monologhi recitati sui palchi della RAI e nei teatri, simile a C’è Celentano e ad un futuro C’è Benigni, che sarà trasmesso prossimamente. Scoppiano le polemiche delle opposizioni soprattutto su Twitter con gli hashtag #facciamorete e #boicottarai2. Il direttore di Rai2 Carlo Freccero replica duramente alle critiche.

Le polemiche

Su Twitter impazza la polemica contro la decisione di Carlo Freccero di mandare in onda C’è Grillo, uno speciale che racconta i 40 anni di carriera dell’attore comico genovese. C’è chi scrive semplicemente: “#facciamorete lunedì 21.20 #boicottarai2“.


Poi, c’è chi si indigna alludendo al controllo della RAI da parte del governo: “Il processo di lottizzazione della #Rai da parte del governo è già in fase avanzata: Beppe Grillo su @rai2 #boicottaRai2“. Anche il giornalista Vittorio Zucconi dice la sua scrivendo: “Io non ci sarò. E voi?“. Poi, ci sono i politici.

Il capogruppo del PD al Senato, Andrea Marcucci, si è espresso così in merito alla faccenda: “La prossima settimana comincia la nuova serie degli eroi del regime.

Beppe Grillo sarà il primo protagonista lunedì in prima serata. Non è la #Rai, ma il nuovo Istituto Luce“. Anche Maurizio Gasparri ha commentato con parole non proprio clementi la decisione dei vertici di Rai2: “Uno speciale-revival su #Grillo su @RaiDue ? Il servilismo malattia senile del comunismo …..“.

Carlo Freccero risponde alle critiche

Carlo Freccero, direttore di Rai2, ha risposto alle polemiche per il ritorno di Beppe Grillo, ex capo politico del M5S, sullo schermo della RAI, attraverso i microfoni di Adnkronos, definendo “tutta pubblicità” l’hashtag #facciamorete: “Io mi occupo di audience e porto risultati.

Altro che politica.


In pochi hanno notato che lavorando per la Rai ho spostato il programma su Grillo al lunedì per controprogrammare Celentano, nonostante sia un grandissimo estimatore e direi debitore di Adriano, perché mi ha regalato una della più belle avventure televisive della mia carriera che è stata ‘Rockpolitik’. Io devo far sopravvivere Rai2 anche di fronte alla programmazione dei mostri sacri della concorrenza.

E non guardo in faccia a nessuno. Faccio il mio mestiere“.

Infatti, Adriano Celentano tornerà in televisione con un programma che andrà in onda proprio lunedì sera su Canale 5, Adrian, al quale Freccero spera di fare concorrenza con C’è Grillo. Infine, il direttore di Rai2 difende le sue scelte facendo riferimento ai dati relativi all’audience: “Invece di parlare di programmi di montaggio che ho messo in campo per risparmiare soldi, come appunto ‘C’è’, parliamo invece del nuovo programma di informazione ‘Povera Patria’, che ieri ha ottenuto il 5,9%, cioè 3 punti in più del predecessore ‘Night Tabloid’, realizzato con gli stessi conduttori“.