Emily Nicholson

Nel 2016, la diagnosi di tumore al cervello ha cambiato per sempre il destino di Emily Nicholson, 24enne modella originaria di York, Regno Unito. Le pesanti cure a cui da quel giorno ha dovuto sottoporsi ne hanno minato la bellezza e il fisico, facendola ingrassare di 30 chili. Come se non bastasse, a questa terribile prova si è aggiunto il vile gesto del fidanzato, Jamie, che a una settimana dalle nozze con un messaggio via Facebook l’ha lasciata da sola ad affrontare il proprio terribile male.

Una vita spezzata dalla malattia

Emigrata con la sua famiglia in Australia nel 2012, sino a quel giorno la vita di Emily si divideva tra il lavoro da modella, l’attività di manager di un bar e l’amore per il fidanzato, Jamie Smith, che le aveva chiesto di sposarlo.

Quando nel febbraio 2016, a soli 21 anni, i medici le diagnosticano un astrocitoma al terzo stadio (ovvero un tumore al cervello), il mondo di colpo le crolla addosso. Emily però non si arrende, e lotta strenuamente contro la sua malattia. I ripetuti interventi chirurgici e le cure invasive finiscono tuttavia per logorarne l’aspetto.

Unica consolazione la data del matrimonio che, inizialmente fissata per l’agosto 2016, era dovuta slittare al 17 marzo dell’anno seguente per via dell’ennesimo intervento ordinato dai medici. Poi, a una settimana dal fatidico giorno, Jamie le comunica via Facebook il suo addio.

Emily prima e dopo essersi sottoposta alle cure anticancro

Emily prima e dopo essersi sottoposta alle pesanti cure anti-cancro

L’inaspettata rottura

Non ti amo più da tempo” recita il crudele messaggio: altra pioggia sul bagnato. D’un tratto, la promessa di una vita assieme al fidanzato di sempre svanisce nel nulla, quasi a un anno esatto di distanza dalla diagnosi di tumore.

Vigliaccamente, senza una parola di scusa e senza nemmeno trovare il coraggio di guardarla negli occhi, Jaime la lasciava da sola a combattere la sua dura battaglia. “È stato orrendo, – ha raccontato la ragazza al Daily Maillui ha chiarito in poche parole che in realtà non mi amava. E io ho capito subito che il motivo era la mia trasformazione fisica, la mia malattia. Ora non provo più nulla per lui, mi fa male quello che è successo, ma ormai  non ha più senso arrabbiarsi per questo.

Mi diceva di amarmi, che voleva costruire qualcosa con me nel poco tempo che ci era stato concesso: poi, però, quando mi sono ammalata e sono ingrassata non gli sono piaciuta più”.

Emily non si arrende

Oggi Emily è tornata in Gran Bretagna per proseguire le sue cure con tutta la famiglia al suo fianco, ma senza Jaime. “Mi dicono che sono stata molto forte nell’affrontare tutto questo: ma d’altra parte che alternative avevo? Nessuna. Dovevo essere forte per forza e andare avanti”, ha affermato la ragazza al giornale inglese.

 Intanto, la sua lotta contro quel male che i medici dicevano non le avrebbe lasciato scampo continua e Emily non ha nessuna intenzione di darsi per vinta. Su Internet è anche aperta una pagina GoFundMe a suo nome, con lo scopo di raccogliere i fondi necessari per avere accesso a un vaccino innovativo per l’immunoterapia, dal costo di 30mila sterline.

La foto della pagina online dedicata alla raccolta fondi per Emily Nicholson

La foto della pagina GoFundMe dedicata alla raccolta fondi per Emily Nicholson