Sesso orale in pubblico a Milano

A Milano, due 50enni incuranti di tutto hanno avuto un rapporto orale in pieno giorno su una panchina di Viale Ortles. I passanti che si sono trovati a passare da lì hanno avvisato le forze dell’ordine e la coppia è stata denunciata per atti osceni in luogo pubblico.

Sesso orale davanti a tutti

Completamente incuranti della presenza di altre persone, due 50enni hanno iniziato a fare sesso orale su una panchina di uno spazio verde in Viale Ortles, in zona Brenta a Milano. Il fatto è accaduto ieri nel primo pomeriggio.

Sesso orale in pieno giorno a Milano

Immagine di repertorio

I passanti si sono trovati di fronte lo spettacolo indesiderato e hanno allertato le forze dell’ordine intorno alle 16,30. La loro passione è stata messa a freno dall’arrivo dei poliziotti che li hanno interrotti fermando il rapporto sessuale in corso tra i due amanti di mezza età, entrambi di nazionalità italiana.

La denuncia per atti osceni in luogo pubblico

All’inizio si pensava fossero due senzatetto, poi è emerso che sono entrambi residenti. Secondo alcune indiscrezioni, pare che i due non si conoscessero prima e che, colti da un colpo di fulmine, siano stati letteralmente travolti dalla passione, al punto di decidere di avere un rapporto sessuale in un luogo pubblico, in pieno giorno.

Sesso orale in pieno giorno a Milano: denunciati

Immagine di repertorio. Foto: Il Gazzettino

A frenare i due amanti 50enni e a spingerli a pensarci due volte la prossima volta prima di arrivare a fare sesso orale in pieno giorno in mezzo alla strada ci ha pensato la polizia. Entrambi sono stati infatti denunciati per atti osceni in luogo pubblico. D’altronde il comportamento sessuale degli uomini e delle donne dopo i 50 anni non differisce molto da quello che tengono i giovani e, anzi, è incoraggiato dai medici perchè comporta benefici sia a livello psicologico che fisico.

In particolare, uno studio recente pubblicato sulla rivista Archives of Sexual Behavior e condotto all’università australiana di Wollongong ha dimostrato che ha effetti molto positivi sulla memoria.

Credits immagine in evidenza e social: Polizia di Stato