Mucche malate: scandalo alimentare in Polonia

La Polonia è sotto shock per quello che potrebbe assumere le sembianze di un vero e proprio scandalo europeo. Alcuni giornalisti della testata Superwizjer si sono infiltrati in un mattatoio e hanno ripreso molte mucche malate mandate al macello per volontà dell’allevatore. Gli animali erano in pessime condizioni di salute: alcune delle mucche riprese e fotografate non si reggevano in piedi. Le loro carni sarebbero poi state mischiate con quelle degli animali sani e vendute ai consumatori.

Le mucche malate mandate al macello

Lo scandalo alimentare che sta investendo la Polonia ha due conseguenze principali, una riguarda le ripercussioni sulla salute dell’uomo, l’altra concerne le condizioni di salute degli animali negli allevamenti.

Sulle condizioni di vita degli animali all’interno degli allevamenti intensivi sono stati scritti libri, sono stati prodotti film e documentari. Queste foto confermano che la salute degli animali non sembra essere una priorità per gli allevatori: mucche che non si reggono in piedi, magre e con il pelo avvizzito, ma comunque destinate a creare un profitto.

Mucche malate: perché lo scandalo inn Polonia riguarda tutta l'Europa

Una mucca non ce la fa a scendere dal camion e a stare in piedi.

Foto: TVN24

Le fotografie scattate e le immagini riprese hanno portato alla luce un vero e proprio “sistema” che ha permesso finora di mandare al mattatoio anche le mucche malate e di venderne le carni. Nelle 3 settimane in cui hanno lavorato sotto copertura hanno contato 25 mucche malate portate nel mattatoio. Lo scopo di questa operazione di occultamento ha a che fare con la necessità degli allevatori di abbattere e poi smaltire questi animali: una spesa onerosa che rappresenta unicamente un costo. La macellazione di questi animali avverrebbe senza alcun controllo, in segreto.

Dal reportage emerge che sono gli stessi operai addetti alla macellazione a rimuovere manualmente i tumori e gli organi malati degli animali dopo averli uccisi per il macello.

Mucche malate: lo scandalo polacco che potrebbe di ventare europeo

Un’altra mucca non riesce a stare in piedi. Foto: TVN24

Poi, sempre gli stessi operai occultano le carni di questi animali unendole a quelle degli animali sani. Le carni non vengono di fatto controllate da nessun veterinario ma contrassegnate dal personale stesso come sicure per i consumatori. Il veterinario al momento di ispezionare le carni controlla velocemente le teste degli animali e poi compila la documentazione necessaria ad approvarne la vendita.

Davanti ai reporter, il veterinario ha autorizzato la vendita anche delle carni delle mucche malate. Stando a quanto emerso, sarebbero più di 300 i macelli in Polonia che attuano questo sistema per smaltire le carni degli animali ammalati. Quindi, non si tratterebbe di un evento episodico.

TUTTI GLI ARTICOLI SUGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI

Le conseguenze sulla salute

Il The Guardian ha consultato alcuni esperti di sicurezza alimentare che hanno espresso grande preoccupazione per le pessime condizioni di salute delle mucche ammalate mandate al macello in Polonia le cui carni potrebbero essere state commercializzate in tutta l’Europa.

Mucche malate: dalla Polonia all'Europa è scandalo

Le mucche malate dopo essere state uccise e macellate vengono contrassegnate come idonee alla vendita dagli operai. Foto: TVN24

Secondo Superwizjer, l’80% della carne polacca macellata è destinata all’esportazione. Ciò ha portato Chris Elliott, professore di sicurezza alimentare all’Università di Belfast a dichiarare: “Se c’è qualche prova che parte di questa carne ha lasciato la Polonia, allora ci sarà la possibilità di un allarme di sicurezza su scala europea, con il coinvolgimento di molte organizzazioni governative e potenzialmente delle forze di polizia di tutta Europa“. I rischi per la salute dell’uomo derivanti dal consumo di queste carni non sono stati specificati, ma sarebbero rilevanti secondo gli esperti, anche se al momento pare che non sia stata diramata alcuna allerta alimentare.

Credits immagine in evidenza e social: TVN24