milly-ballando-con-le-stelle

Febbraio è sempre un mese di grandi attese per il pubblico di Ballando Con Le Stelle. Di solito il dancings-show, in cui personaggi famosi al fianco di ballerini professionisti si sfidano a passo di danza, apre i battenti entro il mese di marzo.

Quest’anno è stata anticipata dal sito Blogo la data di inizio, che a quanto pare era fissata per il prossimo sabato 9 marzo. Ma adesso un fitto mistero piomba sul debutto di questa nuova edizione.

Possibile posticipo

Rumors dell’ultima ora parlano di eventuali slittamenti. Il famoso programma potrebbe infatti essere rimandato di una settimana esatta.

maria-e-milly

L’eterno scontro del sabato sera

A lanciare l’indiscrezione è stavolta il sito Dagospia.

Gira voce che Milly Carlucci avrebbe chiesto alla Rai di far slittare di due settimane la partenza di Ballando con le stelle, al momento fissata per il 9 marzo“. Ma come mai una richiesta simile? Se lo chiedono in tanti. Ed è sempre Dagospia ad avanzare una tesi. Il desiderio della conduttrice potrebbe nascere dalla speranza di evitare l’eterna sfida con la storica competitor Maria De Filippi, in onda il sabato sera con C’è Posta Per Te. “Per evitare la sfida con il temibile C’è Posta Per Te” continua Dagospia. “E confrontarsi con Amici, meno visto dal pubblico over.

L’azienda per ora avrebbe risposto picche confermando la data iniziale“.

La story di Todaro

Un altro indizio lascia supporre che l’inizio del programma possa subire un posticipo ed è una story pubblicata da Raimondo Todaro, storico ballerino professionista dello show. Attraverso la funzione di Instagram Story “fammi una domanda”, Todaro ha risposto ad un utente che chiede: “Quando inizia Ballando?“.

marzo story

La story di Raimondo Todaro

La verità potrebbe stare nel mezzo, se si tiene in considerazione la risposta di Todaro. Non comincerà il 9 marzo, come detto da Blogo. Ma nemmeno 2 settimane più tardi, come sostiene Dagospia.

Bensì il programma si prepara a ripartire il 16 marzo, una settimana più tardi del previsto. Insomma, non ci resta che attendere una comunicazione ufficiale.