strage massa donne vergine stati uniti

Christopher Wayne Cleary è stato arrestato negli Stati Uniti dopo aver dichiarato in un post Facebook di avere in progetto una strage di massa. L’uomo, un pregiudicato di 27 anni del Colorado, avrebbe infatti scritto sul popolare social network che avrebbe sparato a tutte le donne che avrebbe incontrato per strada solo per ucciderle. A far scattare il piano omicida sarebbe stato il fatto che l’uomo, già condannato per stalking e violenza domestica due anni fa, non avrebbe mai avuto una fidanzata. Secondo quanto riportato dal The Denver Post, al suo arresto Cleary avrebbe detto alla polizia che tutto ciò che voleva era solo avere una ragazza e che si sentiva incompreso e preso in giro da tutte coloro che l’avevano rifiutato.

L’uomo, hanno dichiarato gli inquirenti, soffriva di disturbi psicotici.

strage massa donne vergine stati uniti mcdonalds

Cleary è stato arrestato in un McDonalds. Poco prima aveva postato un video sul suo canale YouTube. Foto: YouTube

I progetti della strage condivisi su Facebook in un post

Il motivo che avrebbe spinto Christopher Cleary a progettare una strage di massa sarebbe stato il rifiuto di una ragazza del quale era infatuato e che per lui è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Ancora non è chiaro cosa invece avrebbe spinto il 27enne a condividere su Facebook i progetti della strage.

Secondo quanto riportato dal The Denver Post, Cleary avrebbe infatti scritto un post nel quale dichiarava: “Tutto ciò che volevo era una fidanzata, non mille, non tante, solo una. Non ho mai avuto una ragazza e sono ancora vergine, per questo ho deciso che farò una strage e sarò il prossimo a sparare su una folla di persone. Sono pronto a morire. E la farò pagare a tutte le donne che mi hanno rifiutato e ucciderò ogni donna che incontrerò”. Un altro dei post che hanno allarmato la polizia e fatto scattare il piano antiterorrismo citava: “Nessuno è più pericoloso di un uomo pronto a morire”.

I post sono stati rimossi dallo stesso Cleary dopo aver ricevuto centinaia di insulti e minacce via Facebook.

strage massa donne vergine stati uniti women march

Un’immagine della Women’s March di Washington. Foto: Facebook

La polizia temeva che Cleary avrebbe agito durante la Women’s March

Nascosto a Povo, nello Utah, dove aveva affittato un alloggio, il 27enne è stato rintracciato dalla polizia mentre si trovava in un McDonalds ed è stato arrestato dopo la segnalazione di alcune donne che avevano letto il post, divenuto virale. L’arresto è avvenuto durante l’annuale Women’s March, la popolare manifestazione nata in seguito all’insediamento di Trump alla Casa Bianca in cui le donne sfilano per le strade per rivendicare i propri diritti e per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla discriminazione e la violenza di genere. Il piano antiterrorismo nei confronti di Cleary è stato attivato proprio per la concomitanza della pubblicazione dei post su Facebook e della manifestazione. Arrestato, il giovane avrebbe detto alla polizia che non aveva alcuna intenzione di mettere veramente in atto la strage.