baglioni fazio

Claudio Baglioni rivela qualche anteprima sul Festival di Sanremo, che comincerà il prossimo 5 febbraio, a Che tempo che fa. Il direttore artistico della kermesse svela le intenzioni per questa edizione: sarà un Sanremo “popolar-nazionale“, con l’intento di dare rilevanza alla canzone italiana. Anche grazie ad un apparato luminoso e scenografico che Baglioni promette spettacolare.

Claudio Baglioni a Fabio Fazio: “L’Ariston mai stato così grande”

Siamo qui sepolti dentro il Teatro Ariston da due settimane“, scherza Baglioni con Fazio. Il direttore artistico sembra pronto all’inizio del suo secondo Festival, e le idee sono chiare: “Io credo di sapere dove andare“, spiega.

baglioni

Sulle polemiche politiche che stanno accompagnando la kermesse commenta che “Il Festival di Sanremo è sempre tirato per la giacchetta da una parte e dall’altra“, chiarendo il motivo del suo soprannome: “Ci vuole un ‘dirottatore’, per fare lo slalom da tutte le altre direzioni indicate da altre persone“. L’obiettivo resta comunque “dare importanza e centralità alle canzoni italiane“.

Alla ricerca dell’armonia

Baglioni svela l’intento del suo Festival: “Quest’anno io vorrei provare a dirottarlo verso l’armonia, cercare una soluzione unica molto vicina alla bellezza“, di cui commenta insieme a Fabio Fazio, l’Italia ha disperato bisogno.

  Tanto che il conduttore dice tra il serio e il faceto: “Sto pensando di emigrare“, pensiero da cui il cantante cerca di dissuaderlo.

Il successo dello scorso anno “Non ce lo aspettavamo, nessuno se lo aspettava“, spiega Baglioni, felice delle collaborazioni di quest’anno: “Claudio Bisio è la persona più pacifica del mondo“. Oltre che su una buona squadra, si è puntato anche all’effetto scenico: “Mai il palco dell’Aniston è stato così grande. Abbiamo scoperto che c’erano degli spazi e abbiamo sistemato un golfo mistico esattamente alle nostre spalle“.

baglioni fazio1

Mistero su Fiorello e il modellino 3D di Baglioni

Fazio chiede delucidazioni sulla partecipazione di Fiorello, ma Baglioni smentisce: “Fiorello è talmente imprevedibile, per quanto sappia io no. Se arriva viene a mia insaputa“.

Si darà anche quest’anno il premio Baglioni d’oro, l’hanno scorso vinto da Ornella Vanoni: “C’è questa raccapricciante intenzione anche quest’anno, io poi mi sono prestato perché è una riproduzione di me in 3D. Mi sono sottoposto a una vivisezione in 3D, immobile in apnea per 3 minuti“, racconta il cantante.