mamma e figlio

Una 20enne di Messina ha dato alla luce il suo primo figlio dopo essere stata colpita da un'emorragia cerebrale che l'aveva mandata in coma. Una storia commovente in cui due vite sono state salvate e rese possibili grazie a un esempio di eccellenza sanitaria. Ne parla il Giornale di Sicilia.

Colpita da emorragia cerebrale, dà alla luce il primo figlio

Il 28 gennaio scorso è venuta alla mondo una nuova vita all'ospedale Papardo di Messina. Non ci sarebbe nulla di strano, se la giovane madre, una ventenne messinese, non fosse appena stata dimessa dall'ospedale dopo lunghi giorni di riabilitazione. La ragazza, infatti, cinque mesi fa era stata trasportata all'ospedale cittadino, il Policlinico, in condizioni gravissime. La 20enne era stata colpita da un'emorragia cerebrale che l'aveva portata al coma. Si era reso immediato quindi l'intervento dell'equipe di neurochirurgia diretta dal professor Cardali per poter salvare la vita della giovane 20enne. L'operazione fortunatamente si è conclusa con successo: la ragazza ha dovuto passare un lungo periodo all'ospedale per il recupero e la riabilitazione, ma è riuscita a riprendersi. Solo alcuni giorni fa, la giovane è tornata ad occupare le corsie dell'ospedale, stavolta però per poter dare alla luce il suo primo figlio.

[caption id="attachment_333825" align="alignnone" width="854"]ospedale papardo L'ospedale Papardo di Messina in cui la 20enne ha partorito con successo il suo primo figlio[/caption]

Mamma e figlio stanno bene

Il piccolo è nato all'ospedale Papardo con un parto cesareo. Sia la mamma che il bambino sono tornati già a casa e godono entrambi di buona salute. “Tutti noi tememmo e pregammo per la vita della ragazza e del bambino” ha scritto su Facebook Massimo Irrera, anestesista e rianimatore in servizio al Papardo, che ha comunicato la bella notizia. “Oggi è tornata da noi per subire un altro intervento chirurgico, questa volta per dare alla luce un bambino: stanno bene entrambi!".

[caption id="attachment_331937" align="alignnone" width="854"]sala parto Immagine di repertorio[/caption]