yara hamouda

Eughenii Tripadus, 27 anni, è stato condannato a scontare 18 anni di carcere per aver ucciso la cuginetta Yara, una bimba di soli 9 mesi. Il ragazzo, stanco dei pianti della neonata, la scosse violentemente fino a ucciderla.

Uccide la cuginetta di 9 mesi scuotendola

I fatti si sono svolti nel 2016, a San Martino di Lupari, una cittadina in provincia di Padova. La cugina di Eughenii Tripadus ha chiesto al 27enne di tenere d'occhio la figlia di 9 mesi, la piccola Yara, l'ultima arrivata di tre sorelline, mentre lei e il marito si recavano al lavoro. Il giovane ha acconsentito ed è stato lasciato solo in casa con la neonata e la sorellina di 5 anni. A un tratto, la piccola avrebbe cominciato a fare i capricci e a piangere e Tripadus, esasperato, avrebbe cominciato a scuoterla violentemente per zittirla. Le scosse sono state così irruente che hanno provocato delle gravi lesioni nella bambina. La piccola Yara è stata quindi portata d'urgenza in ospedale, nel reparto di terapia intensiva neonatale di Padova, ma a nulla sono valsi gli sforzi dei medici per salvarle la vita. La piccola si è spenta alcune ore dopo. In un primo momento si pensava che a causare la morte della neonata fosse stato un rigurgito di latte, poi è stata aperta un'inchiesta per far luce sull'accaduto. E nel registro degli indagati è finito proprio Eughenii Tripadus. "I medici hanno fatto di tutto per salvarla, ma non ci hanno mai illuso del contrario", raccontò in quegli attimi di dolore il papà della bambina al Mattino di Padova, "Yara era molto allegra, trasmetteva gioia e felicità".

[caption id="attachment_317575" align="alignnone" width="854"]neonato-morto Immagine di repertorio[/caption]

Tripadus condannato a 18 anni di carcere

Tripadus avrebbe ucciso la piccola provocandole la sindrome del bimbo scosso, una sindrome causata proprio da scuotimenti violenti che finiscono per provocare ematomi e fratture multiple, fatali per un bimbo appena nato. Il 27enne è stato quindi condannato dalla corte d'Assise di Padova a scontare 18 anni in carcere e a risarcire la famiglia della piccola Yara con 1 milione e 600mila euro. Inizialmente il pm Roberto Piccione aveva chiesto 25 anni di carcere per omicidio volontario, ma la Corte ha infine accusato Tripadus di omicidio preterintenzionale, visto che il 27enne non avrebbe avuto intenzione di uccidere la bimba.

tribunale articolo