Gelosia e violenza: Fernanda si ribella al compagno e cambia vita

Dopo la prematura scomparsa di suo marito, ha conosciuto un uomo che sembrava essere il compagno ideale, purtroppo, l'uomo è diventato presto violento. Fernanda ha avuto il coraggio di reagire

La storia di Fernanda è simile a quella di molte altre donne che si fidano di un uomo che inizialmente appare amorevole, gentile e affabile e invece poi si rivela essere tutto l’opposto. Fernanda ha perso suo marito e sperava di poter ricominciare con il nuovo compagno, invece l’uomo si è rivelato una persona violenta e possessiva. Fernanda ha però avuto la forza di reagire e di voltare pagina insieme ai suoi due figli.

Il racconto di Fernanda

Fernanda ha 48 anni ed è madre di due bambini. Dopo la scomparsa prematura di suo marito ha conosciuto un altro uomo, con cui ha presto iniziato una relazione sentimentale. Inizialmente, questo uomo sembrava essere il compagno ideale: amorevole, affabile e premuroso. Ma purtroppo ha scoperto presto che quel compagno che le sembrava pieno di pregi era in realtà una persona violenta. Fernanda ha raccontato la sua storia: “In un gruppo di amici di mio marito sono entrata in contatto con quest’uomo. Il fatto che venisse dal suo stesso ambiente mi faceva sentire protetta. Lui poi era gentile, mi riempiva di attenzioni e complimenti. È venuto a vivere da me e il rapporto dopo un po’ è cambiato“.

Ferananda: picchiata dal compagno, cambia vita per se stessa e per i suoi figliImmagine di repertorio


La storia d’amore si è presto trasformata in un incubo: violenza, gelosia, possessività, persino verso i figli di Fernanda che non potevano neanche più ricordare il loro defunto padre davanti al nuovo compagno della madre. Fernanda ha raccontato che la sua gelosia si spingeva fino al punto di vietarle di indossare slip neri, perché secondo lui erano visibili sotto i vestiti, la pedinava e le impediva categoricamente di uscire con le sue amiche o di stare negli stessi ambienti in cui si trovavano anche degli uomini.

Dopo la gelosia è arrivata anche la violenza: “Poi ha iniziato ad alzare le mani, me le stringeva al collo, più volte sono arrivata a sentirmi soffocare. A un certo punto ha cominciato a minacciarmi di morte, diceva che mi avrebbe staccato la testa. I miei bambini, avuti nel 2009 con mio marito, sentivano tutto. E con loro era molto autoritario, vietava perfino che parlassero del padre“.

Fernanda decide di voltare pagina

Ma Fernanda ha deciso di reagire ai maltrattamenti e alla violenza del suo compagno. Si è così rivolta a chi ha fatto della tutela dei minori una mission. I suoi bambini e lei sono stati accolti da Villaggio SOS, una onlus che si occupa di dare assistenza, spesso offendo un posto in case-famiglia, ai bambini in difficoltà e di aiutare anche i loro genitori.

Fernanda reagisce: ecco come si è salvata dalla violenza del compagnoUno dei Villaggi SOS. Foto: VareseNews


Fernanda ha deciso di condividere la sua storia per dare coraggio alle tante donne che si trovano ad affrontare la violenza di un marito o di un compagno e che spesso sono sole in questa lotta quotidiana per la sopravvivenza: “Racconto la mia storia perché spero sia utile ad altre donne. Bisogna chiedere aiuto“.

Secondo i dati Istat, in Italia, nel 2017, sono state poco meno di 50mila le donne che si sono rivolte ai Centri antiviolenza per reagire ai maltrattamenti. Un dato allarmente riguarda il numero di femminicidi in aumento: secondo una ricerca Eures, dall’1 gennaio al 31 ottobre 2018 i femminicidi sono passati dal 34,8%, sul totale degli omicidi commessi in Italia nel 2017, al 37,6%. Tuttavia, come spiega la storia di Fernanda, è possibile reagire e cambiare vita, se si chiede aiuto, anche se sembra impossibile.