Roma, 17enne caduta dal sesto piano: è suicidio

Solo pochi mesi fa, questa ragazza di 17 anni aveva denunciato uno stupro. Un trauma difficile da superare. Secondo gli inquirenti ci sarebbe proprio questo episodio di violenza sessuale dietro al suo tragico suicidio. La ragazza si è gettata da un appartamento di Via Pomezia, a Roma: era a casa di una sua amica.

Il tragico suicidio

Non c’è stato niente da fare per salvarla. Dopo essere stata soccorsa e portata all’ospedale San Giovanni in codice rosso, la 17enne ha resistito solo poche ore, poi è morta.

Roma, 17enne caduta dal sesto piano: è suicidio

Il palazzo di Via Pomezia da cui si è gettata la 17enne. Credits foto: Francesco Benvenuti

Era di origine australiana e viveva a Roma con la sua famiglia da diversi anni. Ieri pomeriggio, è uscita con una sua amica di 19 anni che l’ha poi invitata ad andare a casa sua, in quell’appartamento sito al sesto piano di un palazzo di Via Pomezia, vicino Piazza Re di Roma, dove poi avrebbe compiuto il drammatico gesto. Arrivate a casa, la sua amica l’ha persa di vista per qualche minuto. L’ha cercata dentro l’appartamento, poi si è sporta da una finestra che ha trovato aperta e ha visto l’ambulanza. Solo in quel momento ha scoperto che la sua amica australiana si era gettata dalla finestra, suicidandosi.

La denuncia per stupro

Inizialmente, non era apparsa chiara la dinamica dell’accaduto. Poi è emerso che solo qualche mese fa questa ragazza di 17 anni aveva denunciato di essere stata stuprata da un tassista. Gli inquirenti avevano aperto un’indagine per cercare di trovare il colpevole, tuttavia senza riuscirci.

Roma, 17enne si lancia dal sesto piano: è suicidio

Immagine di repertorio

Adesso, gli agenti del Commissariato di San Giovanni stanno cercando di collegare il suo tragico gesto proprio a quella violenza sessuale che lei aveva denunciato. Per questo motivo, la Procura ha aperto un’indagine per istigazione al suicidio. Da un po’ di tempo, verosimilmente proprio da quando aveva subìto quegli abusi, la ragazza non appariva serena e dava segnali di malessere, come alcune persone a lei vicine – tra cui anche l’amica 19enne a casa della quale la ragazza ha compiuto l’estremo gesto – hanno raccontato agli inquirenti.