Texas, una coppia è stata arrestata per maltrattamenti e abusi su minori. A scoprire i loro efferati crimini, due agenti dello Sceriffo della Contea, allertati a seguito di una segnalazione di rumori da lite domestica da parte dei vicini. Giunti sul posto gli agenti sono rimasti senza parole: quattro bambini erano tenuti in condizioni abominevoli; malnutriti e assetati, due di loro addirittura chiusi in gabbie per cani.

Chiusi in gabbie per cani

I bambini sono stati trovati lo scorso giovedì in una casa di Rhome, nel nord del Texas. Si trattava di tre maschietti e una femminuccia di età compresa fra 1 e 5 anni. Due di loro, uno di 4 e uno di 5 erano chiusi dentro gabbie per cani. Mezzi nudi, ridotti alla fame e alla sete, i volti sporchi e coperti di feci. Una scena agghiacciante, gli agenti hanno somministrato loro le prime cure, ma in poco tempo sul luogo sono arrivate le ambulanze.

[caption id="attachment_336355" align="alignnone" width="854"]La casa degli orrori. Credits CBS Dallas La casa degli orrori. Credits CBS Dallas[/caption]

Le torture a cui erano sottoposti i bambini non finiscono qui; secondo quanto riferito dagli agenti intervenuti sul posto, sia nella dispensa sia nel frigo c’era molto cibo per sfamare i bambini, ma questi erano chiusi a chiave con tanto di lucchetto.

Arrestati la madre e il fidanzato di lui

La polizia ha arrestato la coppia composta da Paige Isabow Harkings e Andrew Joseph Fabila, entrambi 24enni. Lei madre dei quattro bambini e lui padre solo di uno di loro. Entrambi sono accusati di di violenza e maltrattamenti su minore, la donna è anche accusata di aggressione aggravata.

[caption id="attachment_336356" align="alignnone" width="854"]La coppia arrestata. Credits CBS Dallas La coppia arrestata. Credits CBS Dallas[/caption]

Secondo quanto dichiarato dal vice Sceriffo Lane Akin al The Dallas Morning News, questo è uno dei casi più gravi relativo agli abusi su minore in 44 anni. I bambini sono stati trasportati al Cook Children’s Medical Center a Fort Worth, dove sono stati visitati e sottoposti a valutazione psicologica. Sulle loro condizioni l’ospedale ha deciso di mantenere il riserbo.