Pastore tedesco protegge il padrone: l'aggressore lo accoltella al cranio

Pastore tedesco protegge il padrone da un aggressore armato di coltello da bistecca: la coltellata, deviata dal cane, ha colpito il cranio dell'animale

Pastore tedesco salva il padrone durante una passeggiata da un aggressore che stava per colpire l’uomo con un coltello. Il cane ha aggredito il rapinatore, che però è riuscito a colpire l’animale conficcandogli la lama del coltello nel cranio.

pastore tedescoDuke con il coltello ancora conficcato nel cranio. Foto/Animal Welfare Society of SA


Duke, l’eroe che ha salvato il suo padrone

Durante una passeggiata, Gino Wensel e il suo pastore Duke sono stati aggrediti nella zona di Mitchell Plains, Città del Capo, Sudafrica. L’aggressore era armato di un coltello da bistecca con cui ha cercato di aggredite il sig. Wensel, ma il cane è intervenuto difendendolo, ricevendo lui la coltellata destinata al padrone. Il rapinatore è riuscito a scappare dopo aver colpito il cane.

pastore tedescoDuke con il coltello ancora conficcato nel cranio. Foto/Animal Welfare Society of SA


Duke è riuscito a difendere il padrone prima di collassare in una pozza di sangue. Wensel si è avvicinato al cane pensando fosse morto, ma accorgendosi che respirava ancora lo ha portato subito alla clinica dell‘Animal Welfare Society of South Africa, ossia un ente di beneficenza che si prende cura delle bestie in difficoltà.

pastore tedescoDuke dopo l’operazione e con il suo padrone dopo che si è ripreso. Foto/ Animal Welfar Society of SA


Il salvataggio miracoloso

Duke aveva subito un colpo di forte impatto che senza dubbio lo avrebbe ucciso, se non fosse stato subito soccorso. Quando è arrivato da noi era in fin di vita, senza coscienza“, raccontano i medici veterinari della clinica. Era necessaria una radiografia per capire l’entità del danno, che si pensava fosse estremamente grave. La paura generale, infatti, era che il coltello fosse finito troppo in profondità e avesse danneggiato il cervello. Fortunatamente la lama si è piegata mancando di pochi millimetri l’encefalo. Il pastore tedesco si è ripreso in pochi giorni, e quando ha rivisto il padrone si è lasciato andare e gli ha dimostrato il suo affetto con baci e attenzioni. Questo insegna che bastano amore e affetto per costruire rapporti sinceri, anche con gli animali che in occasioni simili sono pronti a difenderci.



Immagine in evidenza: Animal Welfar Society of SA