Due escursionisti morti in montagna a distanza di pochi metri

Due escursionisti friuliani hanno perso la vita in montagna. I due incidenti sono avvenuti a distanza ravvicinata, sia temporale sia fisica, entrambi infatti si trovavano nella zona di Piancavallo in provincia di Pordenone.

Incidente in montagna: morti due escursionisti

I loro corpi sono stati recuperati dal personale medico a bordo dell’elisoccorso. Gli addetti al soccorso alpino si sono messi in moto immediatamente dopo aver ricevuto l’allarme. Entrambi si trovavano nella stessa zona, l’Alta via dei Rondoi, sentiero che si snocciola tra le cinque cime del Piancavallo, in Provincia di Pordenone.

Tutti e due sono caduti a pochi metri di distanza l’uno dall’altro, precipitando da un’altezza di circa 200 metri. Per loro non c’è stato nulla da fare, quando i soccorsi li hanno trovati erano già deceduti.

Scivola durante un’escursione di fronte agli occhi attoniti dei compagni

Il primo dei due escursionisti è caduto intorno alle 13 di questo pomeriggio. Si tratta di un 45enne originario di San Giorgio di Nogaro, provincia di Udine. L’uomo è scivolato mentre si trovava intento a partecipare ad un’escursione insieme ad altri 6 compagni. Il gruppo si trovava sulla Cima dei Furlani e stava seguendo un percorso in direzione Cima Forcella, a circa 2000 metri di altezza.

Gli altri escursionisti presenti sul posto hanno immediatamente allertato i soccorsi. L’elicottero, sorvolando la zona alla ricerca del 45enne, ha individuato la presenza di un secondo uomo in stato di incoscienza.

Il secondo dei due escursionisti trovato durante le operazioni di soccorso

L’uomo si trovava a quota 1800 metri, a circa 300 metri di distanza in linea d’aria dall’altro escursionista. Inutili i tentativi di soccorso, la seconda vittima della montagna, il 50enne originario di Porcia, provincia di Pordenone era già deceduto.

Un elicottero del soccorso alpino. Immagine di repertorio

Un elicottero del soccorso alpino. Immagine di repertorio

Secondo quanto riferito dai famigliari, l’uomo era partito per l’escursione senza lasciare indicazioni precise né sulla destinazione né sul rientro, per questo non era stato dato l’allarme. Le operazioni di soccorso sono state coordinate dal Soccorso Alpino di Pordenone e dall’ausilio dell’elicottero della Protezione Civile FVG.