Finge un tumore per non lavorare: raccoglie 10mila dollari di donazioni

Una truffa con cui non solo ha raccolto migliaia di dollari, ma grazie alla quale ha anche potuto sfruttare amici e colleghi. Ma il suo piano è stato smascherato grazie alle telecamere di sorveglianza, che l’hanno ripresa mentre inscenava un falso svenimento.

Dalle ferie rubate alle pulizie gratis, faceva di tutto per non lavorare

Nel 2013, Jessica Krecksay avrebbe rivelato ai suoi amici e ai colleghi del centro dimagrante in cui lavorava di avere un tumore. Un cancro alle ovaie per la precisione. Sconvolti dalla notizia, tutti si erano adoperati per non farle mancare nulla. Le amiche erano persino arrivate a farle le pulizie in casa.

Ma non solo: la donna faceva vacanze grazie ai giorni di ferie “donati” dai colleghi. Tra queste anche un viaggio a Disneyland interamente regalato, fingendo che fosse l’ultimo viaggio della sua vita. L’avidità di Jessica Krecksay si è spinta fino a creare una falsa raccolta fondi, grazie alla quale ha accumulato più di 10mila dollari. Il tutto mentre agiva indisturbata, ben consapevole della falsità della sua malattia.

Finge un tumore per non lavorare: raccoglie 10mila dollari di donazioni

Jessica Krecksay. Foto/Fox19

Si era persino rasata i capelli, ma oggi è in carcere per truffa

Nonostante fosse arrivata anche a rasarsi la testa, fingendo gli effetti collaterali di una immaginaria chemioterapia, dopo 4 anni sono iniziati i sospetti.

La recita, tra guarigioni e ricadute, sembrava funzionare bene finchéle telecamere di sorveglianza sul posto di lavoro non l’hanno smascherata. Krecksay è stata infatti immortalata mentre si sdraiava a terra e attendeva potenziali testimoni, giocando col cellulare. All’arrivo di alcuni colleghi avrebbe gettato da parte il cellulare, fingendosi priva di sensi. Una scenetta che non ha ingannato il suoi superiori. Il datore di lavoro le avrebbe, infatti, chiesto la cartella clinica, che la donna non ha ovviamente potuto mostrargli.

Il redditizio inganno si è così interrotto, portando le autorità ad arrestare Krecksay con l’accusa di truffa, secondo quanto riportato dal quotidiano inglese Metro.

Il volantino della raccolta fondi organizzata per il falso cancro. Foto/WCPO.com

Immagine in alto: Jessica Krecksay. Foto/Fox19