Cronaca

Drupi esplode nel nome di Mimì: “Oggi ipocriti, la schifavano tutti”

Il cantante non ci sta e con un lungo sfogo racconta la verità su tutti quelli che adesso si stanno professando vecchi amici di Mia Martini
drupi-mia-martini

È un Drupi seccato e insofferente quello che esplode sulle pagine del settimanale Oggi. Intervistato il cantante ha voluto commentare tutte queste professate amicizie di Mia Martini, venute alla luce anni dopo la sua morte, dopo il film interpretato da Serena Rossi.

L’artista trova alcuni di questi interventi che vogliono ricordare Mimì offensivi nei confronti della sua memoria. Ma soprattutto li accusa di ipocrisia: “La schifavano tutti” rivela Drupi inferocito. Poi racconta il suo ricordo di Mia, a cui deve l’inizio della sua carriera. 

Lo sfogo di Drupi

Drupi non ci va leggero, senza peli sulla lingua si scaglia contro i presunti vecchi amici di Mimì.

C’è un limite all’ipocrisia dei brutti stronzi che vantano amicizie immaginarie. Ormai è pieno” comincia sbottando.

mia-martini

Mia Martini

Poi prosegue senza freno: “Ora tutti la conoscevano, tutti le erano amici. E cavalcano l’onda. Quando a frotte all’epoca, nell’ambiente, la schifavano: entrava in sala di registrazione e si toccavano gli attributi per fare gli scongiuri, oppure la chiamavano ‘L’Innominabile‘”. Drupi vorrebbe contenersi, ma ormai è un fiume in piena. “Forse dovrei tacere per non fare anche io la figura di quello che… Ma è uno sfogo d’istinto che le devo“.

Dopotutto il cantante è sempre stato un istintivo, difficile da tenere a freno, ma sempre genuino e vero.

Quell’occasione grazie a Mia

Drupi racconta poi di essere particolarmente legato alla figura di Mia Martini.

È proprio a lei che deve il lancio della sua carriera.

drupi

Il cantante Drupi

Era il 1973” comincia a ricordare il cantante. “Io, agli inizi, sconosciuto, bazzicavo la Ricordi a Milano, ma stavo quasi per mollare il colpo. Mia all’epoca era la regina dell’etichetta. Un giorno mi chiesero di incidere il provino del pezzo che lei avrebbe dovuto portare a Sanremo: Vado via di Riccardi-Albertelli.

Alla fine però non se la sentì di andare e i discografici mi dissero: ‘Perché non ci mandiamo quel ragazzino che ha fatto il provino?’“.

Potrebbe interessarti