Carlo Conti racconta il rapporto con suo figlio Matteo

Carlo Conti si è abbandonato a confidenze sulla sua famiglia, in particolare sul rapporto con suo figlio Matteo con il settimanale Oggi. Il celebre conduttore ha rivelato come dal suo arrivo per lui siano cambiate tutte le priorità. Il piccolo Matteo ha 7 anni ed è nato dal matrimonio con Francesca Vaccaro.

Il valore della parola “babbo”

L’infanzia di Carlo Conti non è stata una passeggiata. Lui suo padre non l’ha mai conosciuto e, soprattutto per questo motivo, il suo rapporto con il figlio Matteo rappresenta qualcosa di davvero speciale.

Carlo Conti e il rapporto con suo figlio

Carlo Conti insieme a suo figlio Matteo. Credits foto: Oggi

Il conduttore ha così parlato di suo figlio: “La parola che non ho mai detto in vita mia, babbo, perché il mio è mancato quando avevo 18 mesi, ora è quella che sento dire di più: Matteo mi chiama settemila volte al giorno.

Sto recuperando il rapporto con quella parola che nell’infanzia mi è mancata“. Queste parole sembrano dar voce alla sofferenza di Carlo Conti da bambino cresciuto senza avere accanto il papà.

Diventare genitore: “Una rivoluzione

Per Carlo Conti diventare padre ha comportato un cambiamento incredibile nella sua vita. Il conduttore ha spiegato che la sua scala di priorità è stata completamente stravolta dall’arrivo di suo figlio: “Fino a sette-otto anni fa, nella mia classifica c’ero io, poi veniva il lavoro, poi il resto.

Ora, in cima a tutto c’è mio figlio, seguito dalla mia famiglia, poi arrivo io e solo dopo il lavoro”. Ma il famoso presentatore televisivo ha rivelato che con ogni probabilità se avesse avuto un figlio quando era più giovane non sarebbe riuscito a instaurare con lui il rapporto che hanno adesso. Lui stesso ne ha spiegato il motivo: “A 30-40 anni ero molto preso da me, non avrei saputo fare il padre come lo sto facendo“.

Carlo Conti e il rapporto con suo figlio

Carlo Conti

Polemiche in Rai: la sua opinione

Tanti colleghi di Carlo Conti della Rai sono stati oggetto di polemiche nell’ultimo periodo: da Claudio Baglioni e il Festival di Sanremo a Fabio Fazio e Che tempo che fa.

Per Carlo Conti, la situazione politica non ha alcun peso: “Dal mio punto di vista non cambia nulla. Qualunque sia il governo, l’intrattenimento rimane intrattenimento“. Però il presentatore ci ha tenuto a dire la sua su questo mondo di politici influencer e haters: “È tutto il sistema a essersi incattivito, il nostro modo di vivere, i social. Dovremmo tutti tornare un po’ bambini, imparare da loro a non prendere tutto così sul serio. Abbiamo perso la capacità di ascoltare, siamo sempre tutti contro tutti, sempre schierati“.