Toby Nye, cancro

Stacey Worsley, madre 32enne di un bambino morto di cancro lo scorso gennaio, ha ammesso di aver rubato una cifra che si aggira intorno alle 100mila sterline (circa 116mila euro) dalla raccolta fondi per le cure del figlio. La ragguardevole somma sarebbe servita alla donna per pagare il proprio vizio del gioco d’azzardo. Secondo quanto riporta lo Yorkshire Evening Post, la Worsley si sarebbe dichiarata colpevole di frode nell’udienza tenutasi al tribunale di Leeds, dove dovrà ritornare il prossimo 29 marzo per la sentenza.

Denaro utilizzato per il gioco d’azzardo

Il denaro di cui la madre si sarebbe appropriata apparteneva ad un fondo, creato appositamente per consentire al figlio, Toby Nye, di ricevere cure adeguate contro il cancro.

Secondo le accuse, la donna avrebbe abusato della sua posizione di garante del fondo, tenendo per se una parte dei soldi e utilizzandola per il gioco d’azzardo. La polizia del West Yorkshire ha precisato che tutto il denaro è stato recuperato dalle agenzie di scommesse e che il reato della Worsley non ha influito sui trattamenti medici ricevuti da Toby nei mesi precedenti.

Stacey Worsley, madre di Toby Nye
Stacey Worsley, la madre di Toby. Fonte/Twitter LUFC

Nell’ambito dell’inchiesta – ha dichiarato un rappresentante delle forze dell’ordine allo Yorkshire Evening PostLa polizia ha ottenuto il rimborso di tutti i soldi in questione, e il loro utilizzo per sostenere un’altra iniziativa benefica, che deve ancora essere decisa”.

La donna ha partecipato all’udienza solamente per dichiararsi colpevole delle accuse e confermare le proprie generalità.

La storia di Toby

La vicenda del piccolo Toby Nye aveva commosso l’intero Regno Unito: ammalatosi nel Natale 2016, aveva ricevuto la diagnosi di neuroblastoma, una rara forma di cancro, nel giorno del suo quarto compleanno. A quel punto la famiglia aveva lanciato un appello per la raccolta di fondi, circa 200mila sterline (232mila euro), necessari per una terapia sperimentale.

La storia era diventata di dominio pubblico, tanto da arrivare anche negli uffici del Leeds United, la squadra di calcio per la quale il piccolo Toby faceva il tifo.

Toby Nye, Leeds
Il piccolo Toby insieme al capitano del Leeds, Liam Cooper. Fonte/Twitter LUFC

Giocatori e staff si erano impegnati a sostenere la causa in maniera concreta, donando un giorno del proprio stipendio e promuovendo varie iniziative. Nel gennaio del 2018 il club dichiarò con orgoglio di essere riuscito a raggiungere la cifra preventivata di 200mila sterline, che avrebbe consentito a Toby di iniziare immediatamente le terapie. Nonostante i primi segnali fossero incoraggianti, i medici diagnosticarono al bambino un secondo tumore, questa volta al cervello. Toby è morto lo scorso gennaio, pochi giorni dopo il suo sesto compleanno.

*immagine in evidenza. Fonte/Twitter TobyNye4