aggredito e sbranato dal suo cane, morto 43enne

Gianluca Romagnoli, 43 anni, da Roma, è stato aggredito e ucciso dal suo cane, un Corso di 3 anni. Il corpo esanime dell’uomo è stato ritrovato dalla moglie, preoccupata dalla sua prolungata assenza. Il cane è stato sedato e portato al canile della Muratella, dove si valuterà se abbatterlo o meno a causa della sua pericolosità.

Ucciso dal proprio cane durante una passeggiata

Gianluca e Tiago, il Corso che 3 anni fa la famiglia Romagnoli ha accolto in casa, sono usciti verso le 18 per la solita passeggiata pomeridiana sulla Prenestina, zona Borghesiana, a Roma. L’assenza dei due si è protratta in maniera preoccupante, tanto da costringere la moglie di Gianluca Romagnoli, Isabella, a uscire di casa per andare alla ricerca del marito e del cane.

La sorpresa si è mischiata subito al terrore quando la donna ha individuato il corpo del marito in un parco, circondato da una pozza di sangue.

Gianluca Romagnoli, il 43enne ucciso dal proprio cane. Foto: Facebook
Gianluca Romagnoli, il 43enne ucciso dal proprio cane. Foto: Faceboo

L’uomo aveva il piumino strappato in più punti e una profonda ferita alla mano e al braccio destro da cui sgorgava molto sangue. Vicino a lui Tiago, col muso ancora completamente insanguinato, aggressivo e pronto ad attaccare di nuovo. La donna, fortunatamente, è riuscita a rimettere il cane corso al guinzaglio e a legarlo a un palo.

Ha poi chiamato i soccorsi per il marito, ma per lui non c’era ormai più niente da fare. Secondo il referto medico, il morso di Tiago ha reciso l’arteria omerale del braccio di Gianluca, provoncandone il dissanguamento e la morte.

Il cane aveva già dato segni di aggressività

A quanto sembra, Tiago non era nuovo ad episodi di aggressività. Il cane, in passato, aveva tentato di aggredire anche uno dei figli della coppia. L’animale è stato sedato e al momento si trova al canile comunale della Muratella, dove si valuterà se sia il caso di abbatterlo o meno.

Ambulanza
Immagine di repertorio