Pietro e Maria: 71 anni di matrimonio, muiono a 24 ore di distanza l'uno dall'altra

Una storia d’amore lunga 71 anni: Pietro e Maria, lui 99 anni, lei 98, sono morti a 24 ore di distanza l’uno dall’altra. A lasciare per primo questo mondo è stato Pietro Savoia e, dopo un giorno, anche Maria Degli Agosti l’ha raggiunto. Una storia che sta commuovendo il piccolo centro di Ripalta Cremasca, in provincia di Cremona, dove hanno sempre vissuto, e non solo.

Un amore indissolubile

Pietro e Maria sono stati sposati per 71 anni e hanno costruito insieme una bella famiglia composta da 4 figli. Unitissimi per tutta la vita lo sono stati anche nella morte. Pietro Savoia è deceduto domenica mattina alle 5,00, a causa di alcune complicazioni sovvenute dopo una febbre, il giorno dopo alla stessa ora se n’è andata anche sua moglie, Maria Degli Agosti. Come riporta “Il Giorno”, i figli della coppia hanno così raccontato il fatto ieri: “Se ne sono andati insieme. Il papà non ce l’ha fatta e ha ceduto alle complicanze di una brutta febbre. Lo abbiamo detto alla mamma, che ci è apparsa molto rattristata. Le avevamo promesso di portarla a vedere papà stamattina, dopo averla preparata. Ma alle cinque lei ha voluto precedere tutti ed è andata a raggiungere il suo amato Pietro“. Così, i figli hanno deciso di celebrare per loro un unico funerale e di metterli uno accanto all’altra nella camera ardente.

71 anni di matrimonio, lui muore e lei lo segue il giorno dopo: la storia d'amore di Pietro e Maria
Immagine di repertorio

Chi erano i due coniugi

71 anni insieme: Pietro e Maria ne hanno fatta di strada. Erano le due persone più anziane del paesino in cui vivevano, Ripalta Cremasca, e la loro morte ha suscitato grande emozione. Prima di andare in pensione, lui è stato un dirigente scolastico, lei una maestra. Pietro Savoia fu anche sindaco di Ripalta Cremasca, più di una volta: fu eletto nel 1964 primo cittadino e poi nel 1985, ma era sempre stato attivo nella politica del suo paese, infatti dal 1960 aveva ricoperto la carica di consigliere comunale, eletto con il partito della Democrazia Cristiana. Come riporta “Il Giorno”, era un uomo appassionato di storia, conoscitore anche dell’arte: la sua ultima uscita pubblica era stata lo scorso anno in occasione della mostra del pittore Carlo Fayer, scomparso nel 2012, che conosceva personalmente e sul quale aveva raccontato numerosi aneddoti. Una persona molto influente nel suo paesino al punto che l’amministrazione comunale ha voluto salutarlo dedicandogli queste parole sulla pagina Facebook ufficiale di Ripalta Cremasca: “Perdere una figura storica del nostro Comune è sempre doloroso, perdere Pietro Savoia è perdere la conoscenza storica di una Comunità. Pietro, tu che sei stato fautore di tanti ammodernamenti del nostro piccolo paese, testimone politico d’eccellenza, a capo di battaglie per poter ottenere e conservare l’istruzione locale te ne sei andato. Lasci un vuoto, ci mancherà la tua figura di riferimento. Solo un grazie da parte di tutta la Comunità“. Pietro Savoia e Maria Degli Agosti si sposarono nel 1948, sono stati uniti tutta la vita ed evidentemente neanche la morte ha potuto separarli per più di 24 ore.