Ladro

Quattro furti nella stessa casa, quattro furti ai danni della stessa persona. Succede nel comune di Cascina, in provincia di Pisa. La donna derubata con tanta assiduità ha 90 anni: sua figlia, Patrizia Rasetti, dopo essersi accorta dell’ennesimo furto, ha appeso un cartello alla porta di casa. Il cartello è un avvertimento per ogni ladro che voglia nuovamente accostarsi alla casa: “Non c’è più nulla”. Perché infatti non è rimasto niente da rubare.

Già tre furti, ora il quarto

Patrizia Rasetti ha ricostruito per La Nazione la vicenda dei quattro furti e in particolare i dettagli dell’ultimo di essi.

Il primo furto è avvenuto l’1 dicembre 2017, il secondo ad agosto 2018, il terzo l’1 dicembre 2018 e il quarto il 29 marzo 2019. In casa non c’era mai nessuno: è probabile che i ladri abbiano sempre aspettato il momento giusto, tenendo d’occhio le abitudini e gli spostamenti dell’anziana donna. Quest’ultima sera del 29 marzo madre e figlia sono rientrate in casa verso le 22:30 e hanno trovato la casa completamente sottosopra: “Uno spavento incredibile. Cerco di tenere la mamma tranquilla con tutte le precauzioni possibili, ma questi eventi sono sconvolgenti per chiunque, figuriamoci per qualcuno della sua età.

Hanno rovistato ovunque, senza trovare nulla. Ormai non c’è più niente” riporta La Nazione. Sembra che i ladri siano entrati arrampicandosi sulla grondaia e forzando la portafinestra del balcone.

Cartello per i ladri
Il cartello di Patrizia Rasetti. Foto: Valtriani/Cappello. Fonte: La Nazione

Nessun sospetto, ma tanta paura

Continua così lo sfogo della figlia, che ormai convive con una preoccupazione costante per la madre: “La porto spesso con me. Mia madre ha 90 anni, malanni fisici per cui cerco di trattarla con tutte le cautele possibili. È lei stessa che vuole stare da sola, io vado più volte da lei anche durante lo stesso giorno.

Ma adesso ho paura io a lasciarla. E anche ad entrare ogni volta, non so mai quello che troverò”. Riguardo i possibili autori dell’ultimo furto, per il momento non ci sono sospetti particolari: “Di sicuro non credo che siano i soliti, altrimenti avrebbero saputo che qui, ora, c’è il deserto”. E infatti Patrizia lo scrive su un cartello. Basta: è già stato rubato tutto.

Ladro, immagine di repertorio
Immagine di repertorio