riccardo fraccaro

È stata trovata una intesa tra Stato e Regioni che hanno trovato un accordo per il taglio dei vitalizi dei consiglieri. Cosa succederà adesso? Anche per gli eletti regionali sarà applicato il metodo contributivo: si riceve in base a quanto è stato versato.

Intesa Stato-Regioni sui Vitalizi

Ad annunciarlo è stato il ministro per le Autonomie Erika Stefani: “È stata raggiunta l’intesa. È un risultato storico che mette fine a benefici odiosi ormai anacronistici“. Poi Riccardo Fraccaro, ministro per i Rapporti con il Parlamento, ha spiegato che la riforma “cancellerà per sempre i vitalizi dei consiglieri regionali e consentirà di risparmiare 150 milioni di euro in 5 anni“. E ancora: “Con quest’accodo saniamo una situazione inaccettabile applicando finalmente a tutti i politici le stesse norme che valgono per i cittadini“. Poi ha concluso: “È prevalso il buonsenso, ora le Regioni approveranno entro fine maggio le leggi per applicare il taglio. Siamo orgogliosi di portare a compimento una nostra battaglia di giustizia sociale che consente di restituire credibilità alle istituzioni. È un risultato senza precedenti e lo dedichiamo a tutti gli italiani che credono nel cambiamento“.

Tutti gli articoli sui vitalizi

Il parere di Di Maio e Salvini

Esultato anche i due vicepremier, da una parte Luigi Di Maio: “Ringrazio le Regioni per aver compreso la necessità di dare un segnale diverso. Il cambiamento c’è e lo stiamo vedendo, ma la strada è ancora lunga. Quello odierno è un altro passo avanti. Non ci fermiamo“.



Poi Matteo Salvini: “Taglio di sprechi e privilegi, con la Lega si passa dalle parole ai fatti. Ne sono orgoglioso!“.