gabriella-carlucci

Gabriella Carlucci è stato ospite nello studio di Eleonora Daniele, al programma Storie Italiane. La sorella di Milly si è raccontata, dopo diverso tempo che non si mostrava in tv e ha spiegato le ragioni che l’hanno spinta ad abbandonare i riflettori, sia da conduttrice che da politica.

Icona del piccolo negli anni ’80 e ’90, ha affrontato l’argomento del dolore della perdita dei suoi genitori, ma anche l’equilibrio e la serenità raggiunti oggi, grazie anche all’appoggio della sua famiglia.

Dalla tv alla politica

Era il 1983, quando una giovane Gabriella Carlucci si affaccia per la prima volta al mondo dello spettacolo.

Fu Enzo Tortora a darle la grande opportunità, con il suo programma Portobello, quest’anno portato al rispolvero da Antonella Clerici. Da quel momento fu tutto in discesa: la seconda delle sorelle Carlucci passa dalla conduzione di Nuovo Cantagiro a quella del Festivalbar, fino ad approdare al Festival di Sanremo.

Con il 1994 si rende conto che la sua strada è un’altra e così abbandona lo spettacolo per dedicarsi alla politica, come soldato di Forza Italia. Nel 2001 viene eletta alla Camera dei Deputati e 9 anni più tardi rivestirà il ruolo di sindaco del paese di Margherita di Savoia.

In seguito, nel 2011 abbandonerà prima il partito e poi la politica e poi la politica nel 2013. Il motivo? Potersi dedicare esclusivamente alla famiglia.

Il suo amore più grande

La 60enne Gabriella oggi è una mamma felice e una moglie serena. Sposata con Marco Catelli dal 1996, ha avuto da quest’ultimo il figlio Matteo, di cui va molto fiera. “Ha 22 anni è bello, buono, bravo, indipendente, si è laureato e lavora” dichiara orgogliosa la Carlucci a Storie Italiane.

Lei e Marco hanno improntato l’educazione di Matteo sulle basi di un valore potente, come quello della famiglia, e lo hanno fatto anche guardando agli esempi dei loro genitori.

Vengo da una famiglia in cui i genitori si sono completamente dedicati ai figli, e io e mio marito abbiamo cercato di trasmetterlo a Matteo. Ho trovato un marito che ha una famiglia come la mia, e questo è servito molto per l’educazione di nostro figlio“.

Il triste ricordo dei genitori

Introducendo il discorso dei suoi genitori, Gabriella non riesce a fare a meno di farsi trasportare da un’onda di malinconia. Era molto legata a loro e quando li ha persi, la madre ex insegnate nel 2015 e il padre al termine di una lunga malattia lo scorso ottobre, per lei è stato molto doloroso.

Storie Italiane
Gabriella Carlucci a Storie Italiane

Erano due persone meravigliose, hanno dedicato interamente la loro vita a noi e ai loro nipoti” comincia la sorella di Milly. “Sono con me tutti i giorni e per me un punto di riferimento, sono molto credente quindi so che li rivedrò. Sono felice, ho fatto tante cose nella mia vita, e questo grazie ai miei genitori che mi hanno sempre insegnato che il lavoro, l’impegno, lo studio e la perseveranza servono per raggiungere l’obiettivo” . Infine ha concluso: “Quando nel 2013 è terminata la mia esperienza in Parlamento, ho cercato di mettere in pratica quello che avevo imparato negli anni precedenti“.