Cronaca

Viareggio: abusavano di ragazzine di 14 anni, arrestati tre 50enni

Viareggio: tre uomini di 50, 53 e 60 anni sono stati arrestati con l'accusa di abusi sessuali ai danni due ragazzine di 14 anni
Giovane donna vittima di violenza

Tre uomini di età compresa fra i 50 e i 60 anni sono stati arrestati con l’accusa di aver abusato sessualmente di diverse minorenni di 14 anni di età. A riportare la notizia il quotidiano Il Tirreno. L’indagine è stata portata avanti dai carabinieri di Viareggio, mentre gli arresti domiciliari sono stati decisi dal Gip del tribunale di Lucca Antonia Aracri. Le due vittime sono state trasferite in una struttura protetta.

Viareggio: tre uomini arrestati per abusi sessuali su minori

Secondo il Gip del tribunale di Lucca, la disposizione degli arresti domiciliari è stata motivata perché pare ci siano gli estremi per una reiterazione di reato nei confronti di altri minori.

I tre uomini di origine italiana hanno rispettivamente 50, 53 e 60 anni si sono resi protagonisti di atti sessuali nei confronti di alcune minorenni.

Le indagini dei carabinieri di Viareggio

Le indagini sono partite a seguito di diverse segnalazioni ai carabinieri di Viareggio da parte di alcune minori che avevano ricevuto attenzioni non gradite. Durante le indagini i militari hanno ricostruito le dinamiche dei fatti risalendo ai tre uomini; gli atti sessuali, per due degli arrestati, si sarebbero svolti un arco di tempo che va dal mese di giugno 2018 al mese di gennaio 2019,  a danno di due ragazzine di 14 anni.

Gli abusi avvenivano tanto nelle abitazione dei tre quanto in zone appartate. Secondo quanto ricostruito pare che uno dei tre arrestati, il 53enne, sia stato colto in flagranza di reato, intento a baciare e palpeggiare una giovane contro la sua volontà. Il 60enne è accusato invece di aver intrattenuto anche rapporti sessuali con una 14enne tra il 2016 e il 2018, lo stesso per il terzo uomo di 50 anni.

Le vittime trasferite in una struttura protetta

Secondo quanto si legge su La Nazione, le vittime sarebbero state trasferite in una struttura protetta, decisione presa al fine di tutelarle e allontanarle da un ambiente famigliare difficile 

Potrebbe interessarti