Antonio Ingroia

Adesso parla Antonio Ingroia. L’ex pm di Palermo, lo scorso venerdì, non ha potuto prendere l’aereo a Parigi per un presunto “Stato di ebbrezza”. La notizia era rimbalzata ovunque, e ora lui smentisce tutto. Con un video su Facebook spiega di essere stato “vittima della disinformazione come Assange” e spiega cosa sarebbe veramente successo a bordo di quell’aereo dell’aeroporto parigino.

Ingroia e cosa è successo a Parigi

Siamo qui per smentire le false notizie che sono state date sul mio conto. Uno dei problemi maggiori del nostro Paese è quello della disinformazione“. Spiega così Ingroia, mentre al suo fianco c’è seduta la moglie. “Io mi sono sempre battuto contro le false notizie e per la libertà di Julian Assange. È ancora arrestato, è accusato in nome di una pretesa sicurezza dell’informazione mentre lui ha smascherato le menzogne del sistema“. Poi spiega cosa è accaduto: “Quello che è successo è stato un banale litigio su un aereo. Il comandante dell’equipaggio di Air France ha detto che costituivo un pericolo per la sicurezza proprio come per Assange, così sono stato cacciato via“.

Nessun stato di ebbrezza

Si è detto che io sarei stato ubriaco, tutto falso, tutto quello che è uscito sui giornali è falso. A partire dal fatto che sono stato rispedito in Italia, come vedete non è vero. Sono in America Latina per lavoro. E addirittura hanno detto che ero così ubriaco che ero svenuto. Lo possono testimoniare pure i funzionari dell’ambasciata“, ha aggiunto per fare completa chiarezza sulla vicenda. Poi annuncia querele: “Queste false notizie hanno campeggiato su molte prime pagine di giornali che saranno querelati“.

Foto in alto: Ansa