donna di spalle con ombrello

Continua il tempo instabile su tutta l’Italia, la situazione climatica non troverà pace tanto presto secondo le previsioni. Il meteo continuerà a essere instabile e variabile su tutta la penisola. Vedremo, anche in questo fine settimana, un’Italia divisa tra nord, sud e centro da acquazzoni e intense giornate di sole, instabilità che andrà avanti fino ai primi di maggio. Non sembra, quindi, che le perturbazioni di origine Atlantica vogliano lasciare la penisola, anzi sono proprio loro che secondo le ultime notizie porteranno un’insolita neve sull’arco alpino e con qualche possibilità anche sull’Appennino sopra i 1600 metri. I fiocchi sembra arriveranno anche a bassa quota 1000 metri sulle Alpi e vedremo nevicate nella conca di Cortina d’Ampezzo (le previsioni prevedono fino a 15 cm di accumulo). Scendiamo nel dettaglio per vedere cosa ci aspetta.

Per la giornata di oggi, Venerdì

La giornata di oggi continuerà a regalarci tempo prevalentemente sereno. I picchi per le temperature più alte possiamo vederli al Sud, zone in cui il tempo continuerà ad essere piacevole, quasi estivo. Il Nord sarà ancora caratterizzato da tempo instabile e con probabile pioggia nelle zone del Centro-Nord. Possibile che nel tardo pomeriggio le precipitazioni arrivino anche nelle regioni Campania e Molise. Nella serata dovremmo aspettarci l’inizio di qualche nevicata nelle zone dell’arco Alpino.

pioggia
pioggia

Un sabato all’insegna del clima mite

Sabato sarà una giornata con tempo per lo più soleggiato e mite sulla gran parte delle regioni della penisola. In prevalenza, vedremo tempo migliore nelle regioni del centro-sud e nella mattinata anche per le regioni del nord. Instabilità sulle regioni della Calabria e Sicilia, qualche temporale sulla Calabria ionica e lungo il medio Adriatico. Le piogge caratterizzeranno prevalentemente le Alpi orientali e il Friuli Venezia Giulia.  Rovesci sulle Alpi orientali e sul Friuli Venezia Giulia. Verso sera arriverà il freddo che colpirà il settore Alpino. Assisteremo a un calo della temperatura anche al Sud con massimo tra 18 e 22 gradi. Si alzeranno i venti sulle Isole e sul mar Tirreno.  

Domenica ritornano gli acquazzoni

Domenica 28 Aprile il clima sarà caratterizzato da rovesci e temporali sparsi. Gli acquazzoni saranno molto più consistenti, ancora, sulle Alpi e Prealpi e vedremo, anche, l’arrivo della neve dai 1300 ai 1600 metri. Nel Nord assisteremo ad un calo delle temperature tra i 15 e 19 gradi di massima. I rovesci proseguiranno lungo tutto l’Appennino. Il sud continuerà a beneficiare del clima migliore con prevalente stabilità, salvo qualche addensamento sulla Campania. Le temperature subiranno cali anche al sud con i picchi tra i 17 e 21 gradi. Le province maggiormente colpite saranno Udine, Gorizia e Trieste; ci sono, inoltre, forti probabilità di piovaschi su Firenze e Siena. Durante la notte, comunque, con l’arrivo di venti più freschi si toccheranno i minimi di 10 gradi al Nord-est e sulla regione del Mar Adriatico.