TV e Spettacolo

Silvia Toffanin si racconta: l’incontro con Pier Silvio e la gelosia del padre

Silvia Toffanin si racconta a Grazia: dai genitori e l'inizio della carriera, a Pier Silvio Berlusconi e ai due figli avuti con l'imprenditore. La conduttrice racconta del padre geloso che non le permetteva di uscire e dell'infanzia passata con i nonni
silvia toffanin

Silvia Toffanin è la regina dei salotti del sabato, molto apprezzata dal pubblico quanto discreta sulla sua vita privata. Nonostante la 39enne conduttrice di Verissimo sia specializzata nel far parlare della propria vita ai suoi ospiti, è raro sentirle raccontare aneddoti che la riguardano. A Grazia Toffanin si rivela, descrivendo la sua infanzia e l’incontro con Pier Silvio Berlusconi.

Silvia Toffanin e quel papà gelosissimo

La conduttrice è stata tenuta sotto stretta osservazione dai genitori, la madre bidella e il padre operaio, durante la giovinezza.

Sull’infanzia passata a Cartigliano, provincia di Vicenza, racconta: “I miei genitori lavoravano e io passavo molto tempo coi nonni. Il nonno mi raccontava i pettegolezzi del posto. Mi coinvolgevano nelle loro attività: Rosario, processione durante il mese della Madonna. Briscola, Settebello. Giocavamo spesso a carte, vincevo.

Per i primi amori non c’era speranza. Alla domanda risponde: Direi nessuno, con mio padre geloso. In paese, si usava che i ragazzi, le comitive di amici citofonassero per dire ‘Scendi’, senza esserci messi d’accordo prima.

Rispondeva mio padre e ogni volta: ‘Silvia non c’è’. Il genitore era ferreo: “Non mi faceva uscire. Ogni tanto mi permetteva di andare in discoteca, a condizione che mi accompagnasse lui. Mi aspettava chiuso in macchina nel parcheggio. Inutile dirgli di andarsene a casa per tornare a riprendermi. Non si muoveva da lì“.

Silvia Toffanin e Pier Silvio Berlusconi nel 2002
Silvia Toffanin e Pier Silvio Berlusconi nel 2002

La carriera e l’amore con Pier Silvio Berlusconi

I genitori però hanno spinto Silvia Toffanin a viaggiare: “‘Vai, viaggia’ diceva mamma, ‘Non fare come me che sono rimasta qui’. Lo stesso, mio padre. Era come se mi stesse dicendo: ‘Io ti ho insegnato a camminare, ora tocca a te’“.

Le occasioni non sono mancate nella sua carriera dopo Miss Italia: “Milano, Parigi, Atene, Londra, Barcellona. Avevo iniziato a lavorare molto. Me ne sono andata di casa che avevo sulla parete i poster di Claudia Schiffer, sul letto i pupazzi, ed è ancora tutto lì. La mia cameretta è rimasta intatta“.

Poi è arrivato Pier Silvio Berlusconi, con cui sono una coppia dal 2001. “A mio padre l’ho presentato un anno dopo. La prima cosa che ha detto a Pier Silvio? Io comunque sono dell’Inter“, racconta Toffanin.

La coppia ha poi avuto due figli, Lorenzo Mattia nel 2010 e Sofia Valentina nel 2015. “Che mamma sono? Se sente i miei figli pesante. Mi dicono: ‘Perché non ti vesti così anche con noi?’. Una volta, un’unica volta, mi è capitato di accompagnare mio figlio al pulmino in pigiama con sopra il cappotto. Eravamo in ritardo. Da quel giorno lui si raccomanda: ‘Vestiti bene, mamma’“.

Potrebbe interessarti