Cronaca

Sorelline di 3 anni e 6 mesi picchiate e lasciate senza cibo

Due genitori di Bellona, nel Casertano, sono finiti in manette dopo un'indagine che ha scoperto i maltrattamenti sulle figlie di appena3 anni e 6 mesi
minori

Due genitori di Bellona, nel Casertano, di 35 e 32 anni, sono finiti in carcere al termine di una indagine cominciata a gennaio. All’ospedale di Caserta alcuni medici avevano scoperto traumi e fratture sulla più piccola delle due sorelline e avevano allertato le forze dell’ordine.

Il dubbio dei medici

Tutto è cominciato quando una delle piccole, ad appena 3 mesi, è finita all’ospedale di Caserta. I medici hanno scoperto traumi e fratture, riconducibili alla “shaking baby syndrome“, la nota sindrome che deriva da un eccessivo e violento scuotimento del neonato.

Immediatamente hanno avvisato la Polizia di Stato che ha cominciato ad indagare. La più grande, invece, ne aveva parlato con la sua maestra: aveva raccontato cosa accadeva sia a lei che alla sorellina. Le forze dell’ordine hanno indagato e ricostruito la situazione di violenza in cui le due bambine vivevano. Pare che in molti avessero intuito cosa stava accadendo alle bambine, tra parenti e amici, ma nessuno ne ha mai fatto parole con le forze dell’ordine.

I due genitori vivrebbero in una situazione di grave indigenza.

Potrebbe interessarti