carabinieri

Una donna romana di 72 anni si è finta cieca per 15 anni e ha intascato i soldi dell’assegno di invalidità. Una vera e propria truffa ai danni dell’Inps con la quale ha percepito più di 125mila euro dal 2004. Ma i suoi riflessi l’hanno tradita. I carabinieri l’hanno scoperta mentre raccoglieva dei fogli di carta volanti. 

Si professa cieca per 15 anni

Dal 2004 a oggi, una 72enne romana ha incassato l’assegno di invalidità perché non vedente. Fin qua nulla di strano. Se non fosse che è stata scoperta dai carabinieri mentre prendeva al volo dei fogli che stavano cadendo a terra.

Gli agenti hanno scoperto che dal 2004 al 2016 la donna ha percepito 125.393 euro. Mese dopo mese ha portato avanti la sua truffa ai danni dell’Inps. 

Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Sotto controllo 

È stata smascherata proprio per colpa dei suoi riflessi. Prendere dei fogli al volo è sembrata un’attività sospetta per una non vedente. Eppure la falsa cieca era sotto controllo da qualche tempo. I carabinieri, infatti, avevano già svolto degli appostamenti tra il 2010 e il 2012.

La tenevano sotto osservazione perché l’avevano vista attraversare la strada e fare la spesa senza problemi. Il tutto è stato immortalato da video e foto. Documenti che sono stati depositati in tribunale dal pm Andrea Iolis. Adesso la donna dovrà risponderne e affrontare un processo per truffa ai danni dello Stato.

Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Non è la prima volta

Questa della falsa cieca è solo l’ultima delle tante truffe scoperte negli anni ai danni dell’Inps e dello Stato. Lo scorso anno è stato scoperto a Torino un pensionato di 77 anni che si è dichiarato non vedente al 100 per cento e ha incassato 60mila euro in 7 anni.

Ma esistono molte altre modalità con cui gli italiani hanno ingannato e percepito indennità dallo Stato. Dalle differenti disabilità alle pensioni di parenti e conoscenti defunti. Nel giugno scorso, la Guardia di Finanza ha condotto un’analisi, attraverso il nucleo speciale Spesa pubblica e repressione delle frodi comunitarie. Dallo studio è emerso un dato preoccupante: solo nel 2018 le casse statali hanno subito una perdita di oltre 5 miliardi