boeing 737

È accaduto a Jacksonville in Florida, un Boeing 737 della compagnia Miami International è uscito fuori pista scivolando nel St. John River. L’incidente è accaduto durante una tempesta, che avrebbe fatto perdere il controllo del velivolo al pilota.

Stando a quanto riferito dalle fonti locali non ci sarebbero vittima. Tutti i passeggeri sono stati tratti in salvo. I feriti sono 21 e sono stati trasportati d’urgenza in ospedale. Sicuramente il caso torna ad accendere i riflettori su Boeing, dopo l’episodio dell’Ethiopian Airlines, che ha bloccato a terra l’intera flotta di 737 Max.

La dinamica dell’incidente

L’incidente ha avuto luogo intorno alle 21.43 locali (le 3.43 italiane di questo sabato mattina). Sul volo della compagnia charter Miami International, solitamente interessata alla tratta che collega Guantanamo, Cuba, con le basi militari di Jacksonville in Florida e Norfolk in Virginia, viaggiavano circa 136 persone tra civili e militari, in tutto 146 contando l’equipaggio. In questo caso il boein era stato noleggiato dal Dipartimento della Difesa.

florida boeing 737
Le immagini dopo l’incidente. Fonte foto: Ansa

Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente. Quel che sembra essere accaduto durante gli attimi di panico è che il pilota abbia perso il controllo dell’aereo, smottato dai forti venti e dalle piogge della tempesta.

Il tentativo di un atterraggio d’emergenza è andato a buon fine solo in parte, perché il velivolo è scivolato nel fiume limitrofo alla città.

La testimonianza

Tutti i passeggeri sono sopravvissuti all’impatto, una di questi Cheryl Bormann. “Si è capito che c’erano problemi. Sono scese le maschere per l’ossigeno. Ma tutti erano relativamente calmi, grazie anche alla professionalità dell’equipaggio” ha detto Cheryl ai microfoni della CNN.

Poi ha proseguito: “L’aereo ha letteralmente colpito il terreno e ha rimbalzato, era chiaro che il pilota aveva perso il controllo. Poi si è sollevato a destra, a sinistra e ha rimbalzato di nuovo. È stato spaventoso“.

Non sapevamo se eravamo finiti in un fiume o nell’oceano. È stato tremendo. Tuoni, lampi, continuava a piovere alla fine qualcuno è arrivato e ha gonfiato una scialuppa.”.