Uno

Avete sempre sbagliato tutto. È la dura verità per il popolo di Uno, il celebre gioco di carte che, negli anni, ha seminato vittorie, liti, sconfitte, ma anche un uso improprio delle regole ‘fossilizzato’ come corretto. A precisarlo è stata l’azienda, che su Twitter ha precisato la non cumulabilità della carta +2 e del più ambito ‘asso’, la +4. La rivelazione è stata accolta come uno shock, pronto a ridisegnare l’esito di migliaia di partite in tutto il mondo.

Uno: svelata la regola giusta

Chi non ha mai giocato a Uno?

È uno dei passatempi più amati al mondo, ma anche quello su cui si è abbattuta la più clamorosa doccia fredda di tutti i tempi. Infatti, l’azienda ha deciso di porre fine all’applicazione di regole errate che distorcono il risultato delle partite.

Avere tra le mani una carta +2 o +4 ha sempre fatto ai giocatori di poter vincere, ma la regola di base non è quella che gran parte dei giocatori ha sempre messo in campo. Troppo spesso è capitato che l’avversario non riuscisse a rilanciare con una carta dello stesso valore, arrivando a dover pescare tante carte dal mazzo quante ‘imposte’ dal turno.

Significa che, se il giocatore precedente aveva scartato un +2 o un +4, quello successivo anche, il meno fortunato (perché sprovvisto di un uguale contrattacco) doveva pescare un carico doppio di carte, vedendo allontanarsi il famoso brivido di gridare a tutti “Uno!”. Ed è proprio questo l’errore. Le carte, come ha precisato un tweet dell’azienda, non sono cumulabili. Chi ne incassa una dall’avversario, deve necessariamente pescare e saltare il suo turno.

Un tweet che ha fatto il giro del mondo

La notizia è ufficiale, diffusa in tempo record in tutto il mondo via Twitter dopo un post sull’account ufficiale del gioco.

Insomma, sono finiti i tempi in cui ci si poteva rivalere sul malcapitato di turno. I commenti sono arrivati puntuali e numerosi, e migliaia di utenti hanno avanzato nuovi interrogativi all’azienda.

Si può sommare un +4 a una o due carte +2? La risposta è no. C’è da aspettarsi che, con un comunicato del genere, nessuno si permetterà di contraddire il ‘nuovo’ assetto di gioco.

L’importante è tenere a mente una cosa: non si può scartare una carta con un + in risposta alla precedente. Da buoni sportivi bisogna incassare il colpo, quindi anche la penalità e cedere la mossa.

*immagine in alto: fonte/ Sito Mattel Games