evasione

Un uomo di circa 20 anni di origine extracomunitaria è scappato questa mattina dalla casa circondariale di Cosenza. Il 20enne del Mali sarebbe riuscito a infilarsi tra le sbarre della recinzione esterna del carcere, in cui sarebbe arrivato poche ore prima da Reggio Calabria, come riportano le fonti locali.

Grande dispiegamento di forze per trovare l’evaso

AGGIORNAMENTO – Il 20enne scappato dal carcere di Cosenza questa mattina sarebbe ancora ricercato. Come riportano fonti locali, diversi avvistamenti sono stati segnalati alle forze dell’ordine, ma si sono rivelati infruttuosi. L’evaso è ricercato principalmente nella città vecchia e il fatto che non conosca il posto fanno auspicare in una soluzione rapida.

A coadiuvare l’intervento di Polizia e Carabinieri un elicottero e un drone, mentre continuano i posti di blocco.

polizia
Immagine di repertorio

Il SAPPE (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria) ha parlato per bocca del segretario Donato Capece: “Quel che è accaduto nella nottata a Cosenza ha dell’incredibile, con la sfrontatezza di un criminale straniero ristretto in carcere che è evaso. Ancora si sta cercando di ricostruire come ciò sia potuto accadere. Il mio auspicio è che l’evaso venga presto catturato, ma la grave vicenda porta alla luce le priorità della sicurezza (spesso trascurate) con cui quotidianamente hanno a che fare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria“.

Scappa dal carcere di Cosenza passando tra le sbarre

Come scrive Il Quotidiano del Sud, il 20enne avrebbe dovuto scontare la pena fino al 2023 per un tentato omicidio. I Carabinieri del comando provinciale hanno disposto posti di blocco in tutta la zona per rintracciare il detenuto evaso, coadiuvati da elicotteri che sorvolano i dintorni di Cosenza. L’uomo indosserebbe una maglietta e pantaloncini.

Arrestato dopo qualche ora di fuga

AGGIORNAMENTO- Amadou Coulibally è stato individuato e bloccato grazie ad un’azione congiunta svolta tra Carabinieri e Polizia Penitenziaria. Il 20enne originario del Mali è stato individuato e fermato nelle vicinanze del fiume Crati, dove era stato avvistato.

Il ragazzo è stato portato presso la caserma Grippo.

In copertina: immagine di repertorio