muso di un cane

Ping Pong è un cane disabile, che può contare solo sull’uso di tre zampe e sul suo fiuto infallibile. È grazie al suo intervento fortuito che un neonato è tornato alla vita, dopo essere stato sepolto vivo dalla madre in un villaggio della Thailandia nord-orientale. Ha attirato gli abitanti verso la zona in cui, poco prima, aveva scoperto il bimbo. Una storia a lieto fine, grazie al dolcissimo animale diventato eroe.

Ping Pong eroe nazionale

A Ban Nong Kham, piccola comunità thailandese, nessuno credeva ai propri occhi. Tutto è accaduto lo scorso 15 maggio, quando un cane disabile ha attirato l’attenzione di alcuni contadini intorno a un campo di manioca.

Il motivo dei suoi latrati ha lasciato tutti senza parole: Ping Pong ha fiutato qualcosa sotto il terreno e ha iniziato a scavare, fino a disseppellire le gambe di un bambino.

Gli abitanti della zona hanno seguito il suo fiuto e hanno continuato a scavare a mani nude, portando il piccolo in salvo. Secondo gli inquirenti, il neonato sarebbe stato sepolto vivo dalla madre, identificata in una 15enne del posto.

Ping Pong ha 6 anni e è costretto a vivere praticamente con 3 zampe, dopo essere stato investito da un’auto. Ma questo non è stato un ostacolo alla sua grande energia. Il proprietario, un 41enne, lo ha accudito dopo il gravissimo incidente in cui è rimasto ferito, restituendogli una vita normale nonostante la disabilità.

L’accusa a carico della madre del neonato

La ragazza è stata rintracciata, interrogata e trattenuta dalla polizia che sta conducendo le indagini sull’accaduto. A suo carico l’accusa di tentato omicidio, e sembrano essere emersi alcuni dettagli sul movente dell’atroce gesto.

Secondo fonti locali, la 15enne avrebbe confessato di aver agito per paura di suo padre che, a suo dire, l’avrebbe picchiata in caso avesse scoperto la gravidanza. Sul tavolo degli agenti è arrivata la richiesta di custodia del neonato, avanzata dalla famiglia della giovane madre.

*in alto: immagine di repertorio