Mamma uccide brutalmente i suoi figli di 2 e 5 anni la sentenza shock

Una sentenza che farà discutere, quella appena emessa per la 41enne che uccise nel dicembre 2017 i suoi due figli, di 2 e 5 anni. Antonella Barbieri, dopo averli uccisi, tentò di togliersi la vita. I fatti avvennero a Suzzara, in provincia di Mantova, e a Luzzara, in provincia di Reggio Emilia. Adesso, il Tribunale di Mantova ha deciso di assolverla per il duplice omicidio perché incapace di intendere e di volere

La vicenda 

Era il dicembre del 2017 quando un pastore che pascolava il gregge nella zona di Luzzara, in provincia di Reggio Emilia, trovò la macchina in cui erano Antonella Barbieri e il figlioletto.

La donna aveva tentato di togliersi la vita con un coltello, dopo aver ucciso, con la stessa arma, Lorenzo Zeus, il figlio di 5 anni. Qualche ora dopo, nella casa della famiglia a Suzzara, venne ritrovato anche il corpo senza vita di Kim, la figlia di 2 anni. La bimba era morta soffocata. Tutto questo accadeva mentre il marito, Andrea Benatti, ex rugbista, si trovava a lavoro. 

Antonella Barbieri. Fonte: Ansa
Antonella Barbieri. Fonte: Ansa

Il ricovero 

La signora Barbieri, che all’epoca dei fatti aveva 39 anni, fu portata d’urgenza all’ospedale di Reggio Emilia. Fu ricoverata in ospedale per via delle ferite all’addome che si era provocata nel tentativo di suicidarsi.

Inizialmente, in stato di confusione, rifiutò le cure; successivamente i medici riuscirono a medicarla. L’arresto fu convalidato nelle ore successive al ricovero. La donna, accusata di duplice infanticidio, venne ascoltata a lungo dagli inquirenti.

Tribunale di Mantova. Immagine: Sito Tribunale di Mantova
Tribunale di Mantova. Immagine: Sito Tribunale di Mantova

Incapace di intendere: la sentenza di assoluzione

Secondo quanto emerso dalle prime indagini, coordinate dal pm di Reggio Emilia, Maria Rita Pantani, insieme alla Procura di Mantova, la donna soffriva di gravi problemi psichici. Adesso il Tribunale di Mantova ha emesso la sentenza di assoluzione per la 41enne.

Il giudice per le indagini preliminari, Matteo Grimaldi, l’ha ritenuta “totalmente incapace di intendere e volere al momento dei fatti“. È ciò che si legge anche nei risultati delle perizie psichiche. Per lei è stato disposto il ricovero in una Rems, residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza. Antonella Barbieri dovrà stare 10 anni nell’ex ospedale psichiatrico giudiziario. Attualmente si trova già detenuta in una struttura psichiatrica di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova.