carabinieri

È di 2 morti, 5 feriti e 16 intossicati il drammatico bilancio dell’incendio che ha distrutto la sede della polizia municipale di Mirandola, in provincia di Modena. Il rogo si è esteso rapidamente sino a lambire le abitazioni ai piani superiori. I carabinieri che indagano sul rogo avrebbero già identificato e fermato un uomo, sospettato di essere il responsabile dell’atto doloso.

Due vittime nel rogo

Secondo le ricostruzioni, le fiamme sarebbero divampate intorno alle 2, nella notte tra lunedì 20 e martedì 21 maggio. Almeno 5 le persone rimaste ferite e 16 quelle intossicate, mentre il bilancio dei morti è salito a 2. Le due vittime sarebbero un’anziana di 84 anni e della sua badante 74enne, entrambe residenti nell’appartamento vicino alla sede della polizia municipale.

I militari hanno arrestato un giovane, sospettato di aver appiccato l’incendio. Durante il rogo sarebbe scaturita un’esplosione che ha investito la sede dei vigili. Stando a quanto emerso, la persona fermata sarebbe sotto interrogatorio. Al momento non si esclude che l’uomo abbia agito per vendetta, forse per un provvedimento della polizia preso contro di lui.

Guarda il video