silvio muccino e gabriele muccino

Che i rapporti tra Silvio Muccino e il fratello Gabriele si fossero incrinati si sapeva già da tempo. Nessuno poteva però immaginare che fossero compromessi fino a questo punto: si è diffusa la notizia che a causa di alcune dichiarazioni del minore dei due fratelli, il 14 gennaio 2020, Silvio dovrà presentarsi davanti a un giudice perché imputato di aver diffamato il fratello, Gabriele Muccino, durante un’intervista del 2016, quando sostenne che era un uomo violento e che aveva perforato il timpano alla sua ex moglie, Elena Majoni.

L’intervista che ha messo nei guai Silvio Muccino

Tutto inizia con un’intervista, il 3 aprile del 2016 a L’Arena, la trasmissione di Massimo Giletti, durante la quale Silvio Muccino aveva dichiarato che il fratello Gabriele era un uomo molto violento e che aveva dato un ceffone alla sua ex moglie Elena Majoni perforandole un timpano.

Il matrimonio tra Elena Majoni e il regista Gabriele Muccino è durato dal 2002 al 2006. Un episodio, in particolare, a detta della violinista, fece naufragare il loro rapporto: una sera, mentre si trovavano in vacanza in Toscana, Gabriele Muccino diede uno schiaffo tanto violento alla moglie da perforarle il timpano e porre così fine alla sua carriera da violinista, oltre che causarle ovviamente un danno tale da condizionare la sua vita quotidiana.

In quella circostanza, Elena Majoni aveva deciso che la misura era colma e aveva denunciato. Unico testimone della scena fu proprio Silvio Muccino che venne, per sua stessa ammissione, indotto a mentire dal fratello durante la deposizione davanti al pm, negando che Gabriele avesse colpito la violinista: “Ho negato che quell’episodio fosse accaduto. Per me c’è un prima e un  dopo quella falsa testimonianza.

So che sono stato io a mentire di mia spontanea volontà. Penso sia giusto che tutti si assumano la loro responsabilità. Avevo 24 anni e feci crac”. Quando aveva rivelato quanto accaduto, Silvio Muccino si trovava davanti a Massimo Giletti a L’Arena, il 3 aprile 2016.

Silvio Muccino rinviato a giudizio

Silvio Muccino è stato rinviato a giudizio per aver diffamato il fratello, il regista Gabriele Muccino, proprio durante quell’intervista, come spiega il capo d’accusa: “Indicò il fratello Gabriele come persona violenta per avere colpito nel 2012 con uno schiaffo la moglie, perforandole il timpano“.

La prima udienza del processo per diffamazione richiesto dal pm Antonio Calaresu è stata fissata il 14 gennaio 2020. L’avvocato del regista Gabriele Muccino, Carlo Longari, ha così commentato la decisione del pm: “È un primo passo verso l’accertamento della verità a fronte di quanto era stato diffuso davanti a milioni di telespettatori nei confronti del mio assistito“.