viagra

A volte bisogna pensare fuori dagli schemi: per evitare lo spopolamento del suo paese ha deciso di donare pastiglie di viagra. L’idea creativa è venuta al sindaco di Montereau, cittadina francese sulla Loira, quasi del tutto deserta di futuri cittadini. La proposta ha provocato, però, lo sdegno di molte donne.

Pastiglie di viagra per incentivare le nascite

Il primo cittadino di Montereau si è trovato di fronte a una triste realtà: un paese quasi del tutto spopolato, con una scuola elementare che conta a malapena una classe. Per fronteggiare il desolante fenomeno, ha firmato un decreto che stabilisce di distribuire il viagra alle coppie dai 18 ai 40 anni.

L’insolita idea dovrebbe simboleggiare un incentivo per le nascite. Il sindaco Jean Debouzy a Le Parisien ha infatti spiegato: “Senza bambini il nostro villaggio è morto”. Certamente, le nascite costituiscono un fattore di crescita fondamentale per ogni città e, laddove non vi sono, bisogna trovare rimedi alternativi per evitare lo spopolamento. Perciò, oltre al decreto provocatorio, Debouzy ha anche previsto di offrire un pagamento una tantum alle famiglie che sceglieranno Montereau come città ideale per crescere i propri figli.

Le polemiche dal mondo femminista

L’idea del sindaco non poteva passare inosservata e ha scatenato le prime polemiche, giunte con fervore dal mondo femminista.

La proposta è stata infatti descritta come “retrograda” e l’aggettivo è stato esteso a tutti gli uomini che considerano le donne alla stregua di “incubatrici”. Dal punto di vista pratico, l’iniziativa del primo cittadino Montereau non ha trovato il riscontro sperato, dato che a richiedere le pillole blu è stato soltanto un cittadino, per giunta single. Dal lato mediatico, però, è evidente che la provocazione del viagra regalato ha sortito un buon risultato. Ora l’attenzione è tutta sul paese francese e sul grande “vuoto” che lo dilania.

Un’altra precedente bizzarra idea in Francia

Debouzy non è il primo sindaco che si inventa proposte bizzarre per fronteggiare i problemi del suo paese.

Sempre in Francia, a Sainte Genevieve De Bois, André Jean ha emanato ad aprile un decreto insolito che chiedeva ai cittadini di rimanere in casa per evitare di ammalarsi. Nei dintorni del piccolo paese, infatti, mancavano medici che potessero prendersi cura di loro. La bizzarria dell’idea ha però vinto sulla disapprovazione e lo sdegno: in città ora ci sono studi medici per gli ammalati. Chissà se anche a Montereau si otterrà un successo simile.