Elefantino svenuto

Nella cittadina turistica di Pattaya, Thailandia, un elefantino utilizzato come attrazione turistica non regge più la fatica e sviene davanti ai turisti indignati. Le immagini del triste avvenimento hanno fatto il giro del mondo e testimoniano uno sfruttamento intenso e senza scrupoli.

L’elefantino è crollato a terra

In questo contesto, un turista rimasto sconosciuto ha voluto filmare una scena che ha lasciato di stucco il gruppo. Un cucciolo di elefante di un anno circa, legato con una corda alla madre che trasportava i visitatori, sembra trascinarsi esausto sotto il sole cocente e ad un certo punto stramazza al suolo.

Il piccolo, che di certo aveva passato tanto tempo costretto in quella condizione, viene subito tranquillizzato dalla mamma e dopo qualche minuto riesce a rialzarsi. A quel punto, il gruppo che aveva assistito alla scena sfoga la sua rabbia e indignazione contro il presunto padrone degli animali, giudicato insensibile. Come mostra il video, diffusissimo sul web, le lamentele purtroppo non suscitano l’effetto sperato e, dopo pochi minuti di esitazione, la marcia della carovana riparte, elefantino compreso, come se nulla fosse accaduto.

L’utilizzo degli elefanti a fini turistici

Siamo in Thailandia, precisamente a Pattaya, a soli 150 km a sud-est di Bangkok. È una città molto turistica affacciata sulla costa orientale del Golfo della Thailandia, nota soprattutto per le sue spiagge e situata nella provincia di Chonburi, una delle più movimentate località di mare di tutta la Thailandia. Tra le tante attrazioni che Pattaya offre ai numerosissimi turisti che la affollano, c’è il classico giro in groppa all’elefante, acquistabile per pochi bath, la moneta ufficiale thailandese (1 bath vale solo 0,028 euro).

Il tour è gettonatissimo, anche in altre parti del Paese, e qui prevede dei lunghi percorsi all’interno del Nong Nooch Tropical Gardens, rigoglioso e spettacolare giardino botanico di 500 acri, situato a due passi dalla città, che abbina spettacoli di animali a un’immensa varietà floreale. L’esperienza è consigliatissima, così dicono, per scoprire le bellezze locali attraverso gli occhi dei pachidermi. Gli elefanti sono costantemente impegnati a portare a spasso i turisti senza un attimo di tregua, con piccolini al seguito in evidente stato di spossatezza.