marco castoldi morgan

Morgan ha parlato, durante una intervista al quotidiano Libero, che presto, il prossimo 5 giugno, verrà sfrattato definitamente dalla casa che ha abitato da sempre.

Presto lo sfratto

Morgan riconosce come lo sfratto sia cosa corretta legalmente, ma per la sua persona è una perdita inestimabile, una cosa che ha un grande valore artistico ma che “è stata svenduta all’asta“. “Questa casa è l’unica che ho“, sottolinea. “Trovo pazzesco non avere la possibilità di poter rimediare. Vengo trattato alla stregua di un assassino a cui viene tolta la libertà per sempre“. Morgan non si vuole arrendere, anzi, vuole lottare per riuscire a mantenere la sua casa, tanto che è disposto persino a ricomprarla.

L’appello ad Asia Argento e Jessica Mazzoli

Per cercare di uscire da questa situazione ha chiesto aiuto anche ad Asia Argento e Jessica Mazzoli: “Le mamme di Anna Lou e Lara, sono anche loro persone con una inquietudine profonda ma sono buone. Ogni madre ha un ruolo decisivo nella crescita dei figli, soprattutto quando la figura del padre è così ingombrante e spesso lontano fisicamente. Vorrei chiedere aiuto alle mamme delle mie figlie prima di tutto.

Ad Asia, con cui siamo in buoni rapporti e che è stata la casa principale, con un pignoramento, di tutto il procedimento giudiziario. Vorrei chiedere a chi l’ha comprata per pochi soldi di rivendermela e lasciarmi dentro“.

Il prossimo 5 giugno però potrebbe cambiare tutto: “Se il 5 giugno verranno a sbattermi fuori andrò in mezzo alla strada. Ma dormirò sul marciapiede davanti alla mia casa come un cane che non vuole abbandonare la propria dimora. Nella mia casa c’è tutta la mia vita, umana e professionale.

Strumenti, opere, emozioni: io non la lascerò mai“. E poi una promessa per il futuro, “È la casa che voglio che poi venga data alle mie figlie“, spiega ancora, disposto a raccontarsi alle sue figlie anche attraverso tutto quello che ha collezionato in casa.