cotoletta

L’azienda AIA dirama per i suoi consumatori un avviso di ritiro volontario di uno dei suoi prodotti più noti, le “Spinacine“. All’interno delle cotolette sarebbero stati rinvenuti dall’autocontrollo pezzi di plastica bianca. Anche il ministero della Salute ha diramato due richiami per i prodotti di una delle aziende leader dell’agroalimentare in Italia.

Plastica nelle “Spinacine” AIA: confezioni ritirate

I prodotti ritirati sono la “Bigger cotoletta di tacchino XXL“, prodotta dall’azienda Agricola Tre Valli Soc. Coop, del veronese. Il lotto di produzione è il 07258011, la confezione è da 280 gr, con scadenza 08/06/2019.

Sempre dello stesso produttore, sono state oggetto di ritiro anche le “Spinacine” da 220g e il formato da quattro dal peso di 440g, con scadenza il 08/06/2019. I due supermercati Coop e Bennet hanno a loro volta pubblicato il comunicato dell’azienda, la quale “si scusa con i propri clienti e consumatori per qualsiasi inconveniente causato da questo richiamo volontario“.

Come fa sapere AIA, “L’azienda invita i consumatori che avessero già acquistato un prodotto appartenente ai due lotti interessati a riconsegnare le confezioni in loro possesso ai punti venditain cui hanno effettuato l’acquisto.

Gli stessi punti vendita procederanno alla sostituzione o all’eventuale rimborso“. A disposizione per ulteriori informazioni un numero verde, 800.501.509, o scrivere a [email protected]

Le
Le “spinacine” ritirate da AIA

Ritirata anche la tisana L’Angelica “Ventre piatto cold”

L’azienda Coswell ha richiesto il ritiro della tisana “Ventre piatto cold” L’Angelica in cui sono stati trovati batteri riconducibili all’escherichia coli. I lotti ritirati sono: 910001001, 910101001, 910201001, 910501001. Il gruppo offre un rimborso per i clienti in possesso di questa tisana che riporteranno la confezione nel punto vendita di acquisto.

In copertina: immagine di repertorio