manubrio di una moto

È il rider più anziano di Palermo, per questo Vincenzo Fiorillo, 66enne, non esita a definirsi come il “nonno” dei rider, che consegna pacchi per tutta la città in attesa di iniziare a ricevere la pensione.

Una vita intera a lavorare nel mondo della ristorazione, prima nell’attività di famiglia, poi come direttore di sala in diversi locali, Vincenzo ricorda di aver servito anche i presidenti della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro e Carlo Azeglio Ciampi.

Il “nonno” dei rider e la capacità di reinventarsi

Circa un anno e mezzo fa però Vincenzo ha dovuto reinventarsi in seguito a degli screzi con il proprio datore di lavoro.


Il “nonno” dei rider ha dovuto fronteggiare le difficoltà di trovare lavoro alla sua età, ma grazie al consiglio di un’amica ha scoperto dell’esistenza delle società di delivery, si è informato in merito, ha seguito un mini-corso e ha iniziato a consegnare pacchi per tutta Palermo a bordo di uno scooter in veste di rider per la società Glovo.

La vita da fattorino per il “nonno” dei rider

Il “nonno” dei rider racconta di apprezzare la flessibilità del lavoro, che gli permette di avere il proprio ritmo, ma allo stesso tempo è consapevole della mancanza di tutele.

Lo scooter è mio, lo smartphone è mio, se piove e voglio portare a casa qualcosa, l’acqua la prendo io”, afferma in un’intervista a Repubblica.

Vincenzo lavora dalle 10 alle 20, a parte quando riesce a tirare avanti fino alle 22, si riposa la domenica e in una giornata effettua in media tra le 10 e le 20 consegne. Non si tratta di solo cibo, ma anche fiori, documenti e pacchi.

Rispetto ai colleghi più giovani, che arrivano anche alle 30 consegne giornaliere, si sente più lento ma non ne sente la concorrenza. Quello che il “nonno” dei rider soffre è la pioggia che lo costringe a girare fradicio per tutta la città, oltre a dover faticare molto di più nel districarsi tra il traffico e le buche presenti.

E così, in attesa di una pensione che dovrebbe arrivare nell’ottobre del 2020, Vincenzo il “nonno” dei rider continuerà a effettuare le proprie consegne, per un guadagno che va dai 3 ai 6 euro lordi a consegna.