papa francesco e salvini

Papa Francesco è tornato dal suo viaggio in Romania, e durante il volo di ritorno ha parlato a tutto della politica italiana ammettendo di non conoscerla molto e di aver incontrato solo il premier Giuseppe Conte. Il riferimento, neanche tanto velato, è all’uso politico che Matteo Salvini sta facendo della religione e del crocifisso.

La politica italiana

Papa Francesco, come riporta Vatican News, ha parlato della politica in generale: “Dobbiamo aiutare i politici a essere onesti, a non fare campagna con bandiere disoneste – la calunnia, la diffamazione, gli scandali … E tante volte, seminare odio e paura: questo è terribile.

Una politica, un politico mai, mai deve seminare odio e paura. Soltanto speranza. Giusta, esigente: ma speranza. Perché deve condurre il Paese, e non dargli paura“.

La politica italiana è più che mai sotto la lente di ingrandimento. In maniera sempre maggiore soprattutto per quanto riguarda Matteo Salvini che ha ultimamente usato molto sia il crocifisso che riferimenti alla Madonna. Nell’ultimo periodo è stato accusato di usare la religione per fare campagna elettorale. A questo proposito il Papa ha detto: “Io non ho ricevuto nessuno del governo, eccetto il premier Conte che ha fatto richiesta come da protocollo.

 È stata una bella udienza, di un’ora. È un uomo intelligente, professore, sa ciò di cui parla. Dai vicepremier e da altri ministri non ho ricevuto richieste di udienza, ha fatto sapere il Papa, facendo chiaramente riferimento a qualche ipotetica richiesta di Salvini. Proprio a questo proposito: “Dire un’opinione su atteggiamenti di una campagna elettorale di uno dei partiti senza informazione, così, sarebbe molto imprudente da parte mia. Io prego per tutti, perché l’Italia vada avanti, perché gli italiani si uniscano e siano leali.

Anche io sono italiano perché sono figlio di emigranti italiani: nel sangue sono italiano“.

La risposta di Salvini

Proprio sulle risposte del Papa è stato interrogato Matteo Salvini a Non è l’Arena, su La7: “Io non ho mai chiesto un incontro perché il Papa ha tanti impegni, ne sarei onorato e felice, ho solo da imparare. Non mi è stato negato un incontro perché non l’ho mai richiesto. Lo farò sicuramente e lo farò senza dirlo pubblicamente.

Se il Papa ritenesse di concedermi 5 minuti del suo tempo, per me sarebbe un onore“, ha replicato Matteo Salvini.