Gérard Depardieu, inchiesta per stupro archiviata

Sollievo per Gérard Depardieu. L’inchiesta per stupro e aggressione sessuale che coinvolgevano in prima persona l’attore francese è infatti stata archiviata. La denuncia risale all’agosto del 2018 quando una giovane attrice e ballerina aveva accusato il celebre “conte di Montecristo” di averla aggredita e violentata nella sua casa di Parigi.

Depardieu, l’avvocato: “Danno irreparabile dalla diffusione di tali accuse”

Non ci sarebbero elementi sufficienti e validi per portare avanti l’inchiesta che ha visto Gérard Depardieu accusato di una presunta violenza ai danni di un’attrice. Quasi un anno fa, nell’agosto 2018, era scoppiato lo scandalo. Sulla scia del caso Weinstein, anche il francese, oggi 70enne, era finito nel vortice delle accuse per molestie. Sotto lo spietato riflettore dell’opinione pubblica erano finite le dichiarazioni di una giovane attrice e ballerina, di circa 20 anni, che sosteneva di essersi recata da Depardieu per delle prove teatrali, degenerate poi in violenza sessuale. Come raccontato dalla ragazza alla gendarmerie di Lambesc, nel sud della Francia, l’aggressione si sarebbe ripetuta più volte, due nello specifico, una il 7, l’altra il 13 agosto.

Gerard depardieu archiviate accuse di stupro
Gérard Depardieu si è sempre dichiarato innocente

Nell’arco di quest’anno, una volta avviata l’inchiesta, l’attore non si è mai espresso direttamente, preferendo invece far parlare il suo legale. “Depardieu è scosso – aveva dichiarato l’avvocato difensore all’epoca dello scandalo – questa accusa è l’opposto di ciò che lui è di ciò che rispetta. Deploro una tale pubblicità da parte della stampa che reca un danno molto grave a Depardieu“. La linea difensiva del francese è, sin dall’inizio, stata quella di negare categoricamente tutti i fatti.

Un sospiro di sollievo per Depardieu

Dal pubblico ministero non ci sono dubbi: “Le numerose indagini svolte nell’ambito di questa procedura non hanno permesso di caratterizzare i reati denunciati in tutti i loro elementi costitutivi” ha ufficializzato il procuratore di Parigi.