Roby Facchinetti non ci pensa proprio alla pensione. L’artista, ad oggi 75enne, ha passato la maggior parte della carriera artistica insieme ai Pooh, con i quali ha segnato gli anni d’oro della musica italiana, grazie a successi quali Piccola Katy e Uomini Soli. Oggi è un nonno felice ma senza musica non riesce proprio a stare.

La musica, una passione è per sempre

Roby Facchinetti ha da poco compiuto 75 anni ed è famoso soprattutto per essere stato per 50 anni il tastierista dei Pooh. La musica leggera italiana non può dimenticare i tanti successi che hanno caratterizzato quegli anni.

Successi che Roby Facchinetti non dimenticherà mai. L’amore per la musica lo accompagna fin da ragazzo. Classe 1944, esordisce nel 1958 come solista ma la consacrazione avverrà nel 1966 grazie, appunto, ai Pooh.

I Pooh e i progetti futuri

Ad oggi si definisce, in un intervista a Leggo: “Un nonno giocherellone. Con me i bambini ridono e saltano. Mi sdraio per terra con loro. Cerco di portare gioia. Osservandoli s’impara sempre molto. I bambini parlano con gli occhi“. Già, perché Roby Facchinetti di nipoti ne ha ben 6 ma di stare fermo non ne vuol sentir parlare: “La musica è vita e io ho dedicato la mia vita alla musica“.

E ancora: “La mia tournée – continua – si intitola proprio “Inseguendo la mia musica” perché questo è quello che ho sempre fatto nella mia vita”.

Visualizza questo post su Instagram

….Durante le proveeee #inseguendolamiamusica #Lesina #foggia

Un post condiviso da Roby Facchinetti (@robyfacchinetti) in data:

Con i nipoti è un nonno giocoso e attento. Si dice, inoltre, molto fiero anche di Francesco, il figlio più famoso di Roby, che pare essere un padre affettuoso e con la testa sulle spalle.

Sulla fine di questa lunghissima storia d’amore con lo storico gruppo, Roby sembra essere perentorio. Le strade dei 5 componenti della band sembrano aver preso direzioni diverse e non c’è speranza di un ritorno. Questo perché, il tastierista, ci tiene a non rovinare un ricordo così bello e pieno di successi.

Farebbe mai un reality come il suo amico e collega Riccardo Fogli? No perché “sentirei la mancanza degli spaghetti al pomodoro e basilico”.