vettura del 118

Tragedia a Nettuno, località nei pressi del litorale romano, un bimbo di appena 2 anni è annegato in uno stagno nei pressi della sua abitazione. Inutile l’intervento dei soccorsi.

Bimbo di due anni annega in uno stagno

Stando alle prime ricostruzioni il piccolo si trovava nella sua abitazione quando deve essersi allontanato finendo col cadere in uno stagno nei pressi della casa. È accaduto a Nettuno, cittadina sul litorale romano, ad accorgersi di quanto accaduto è stato il padre del bambino.

Ritrovato dal papà

È stato il papà del piccolo ad accorgersi di quanto accaduto e a fare il drammatico ritrovamento. Quando è giunto presso lo stagno ha infatti trovato il corpicino del piccolo che galleggiava esamine. L’uomo ha prestato i primi soccorsi sul bambino, in attesa dell’intervento degli operatori del 118.

Inutile l’intervento dei soccorsi

Sul luogo è intervenuto anche l’elisoccorso, purtroppo però per il bambino non c’è stato nulla da fare. Al momento sono in corso gli accertamenti degli inquirenti per chiarire le dinamiche dei fatti; secondo quanto riferito, lo stagno non era segnalato.

Un caso analogo un mese fa a Novara

Una situazione simile è accaduta circa un mese fa ad una famiglia di Novara che si trovata presso un ristorante per festeggiare un battesimo. Il bimbi di due anni è sfuggito al controllo dei genitori cadendo nel laghetto del ristorante. Lo specchio d’acqua era ben segnalato e recitato, il bambino, secondo quanto ricostruito, deve essersi arrampicato per poi scivolare e cadere. A trovarlo un addetto di sicurezza che ha immediatamente dato l’allarme. 

Al piccolo sono stati immediatamente prestati i primi soccorsi dai parenti, il personale della Croce Rossa ha eseguito le operazioni di rianimazioni e poi ha trasportato il piccolo prima presso l’ospedale Santissima Trinità di Borgomanero e poi presso il Maggiore della Carità di Novara. Le sue condizioni sono fortunatamente migliorate.