aggressione da parte di due giovani contro un altro ragazzo

Riverso a terra e dolorante: così lo hanno trovato le forze dell’ordine che sono arrivate sul luogo dell’aggressione. La vittima è un ragazzo di 20 anni che è stato accerchiato e malmenato da una decina di coetanei a Ponte Milvio, a Roma. Il fatto è accaduto nel fine settimana, la polizia è sulle tracce degli autori dell’aggressione.

Aggredito da un branco di coetanei

Come riporta Il Messaggero, sono stati i residenti della zona a segnalare alle forze dell’ordine l’aggressione perpetrata da un branco di giovani ai danni di un 20enne. Si sono infatti allarmati quando, intorno alle 2,00 del mattino, hanno udito qualcuno urlare chiedendo aiuto disperatamente.

Quando gli agenti della polizia sono giunti a Ponte Milvio, hanno trovato un ragazzo steso a terra e dolorante. Sul posto, è intervenuta un’ambulanza che ha prestato soccorso al giovane che, tuttavia, non si trova in gravi condizioni.

In dieci contro uno

Il 20enne ha riferito di essere stato dapprima preso di mira dal branco di coetanei (formato da una decina di persone) che, forse ubriachi o sotto l’effetto di stupefacenti, gli hanno rivolto tantissimi insulti, senza alcuna ragione. Poi, lo hanno accerchiato e hanno iniziato a picchiarlo con calci e pugni, uno di loro lo avrebbe anche colpito ad una spalla con un oggetto che il giovane non è riuscito a identificare nella concitazione di quegli istanti, ma ha riferito agli inquirenti che molto probabilmente si trattava di un bastone.

Adesso, gli investigatori stanno passando al setaccio i filmati delle telecamere di videosorveglianza, in particolare, stando a quanto riporta Il Messaggero, quelle di una stazione dei carabinieri che si trova proprio in prossimità di Ponte Milvio e del luogo in cui il 20enne è stato aggredito. L’obiettivo è ovviamente quello di identificare gli aggressori.