agenti di polizia in spiaggia

Una commozione cerebrale e il volto tumefatto: sono queste le principali lesioni riportate da un 15enne che sarebbe stato picchiato tra i bagnanti a Palese (Bari), in pieno pomeriggio. Il papà ha lanciato un appello su Facebook, affinché chi ha visto qualcosa parli. Il ragazzo è stato ricoverato e sarebbe già stato dimesso, ma sarà tenuto ancora sotto controllo dopo il pestaggio subito nel cosiddetto ‘braccio’ del porticciolo. La famiglia ha sporto denuncia, e ci sarebbe già una prima indicazione utile a definire l’identikit degli aggressori.

Picchiato in spiaggia tra i bagnanti

Resta sotto osservazione il 15enne di Bitonto vittima di un pestaggio in spiaggia, tra i bagnanti, nel ‘braccio’ del porticciolo di Bari-Palese.

Il ragazzo ha riportato diverse lesioni, tra cui una all’orecchio la cui entità sarebbe ancora in fase di valutazione.

Secondo quanto dichiarato dai familiari, il minorenne si trovava al mare con alcuni amici e sarebbe stato aggredito da un gruppo di coetanei nel corso di una lite.

Su Facebook l’appello del padre, che chiede a chiunque possa aver visto di raccontare come si sono svolti i fatti: “Mi rivolgo a tutti i genitori che mi conoscono e anche a chi ha dei figli e sa cosa significa.

Se qualcuno ha visto o sa qualcosa, vi prego, mi contatti in privato prometto che non farò nome, ma dobbiamo fermare questi vermi“.

Le parole del sindaco di Bari

Sulla vicenda è stata aperta un’indagine a cui lavorano i carabinieri di Bari – Santo Spirito, mentre sui social si moltiplicano le condivisioni per arrivare agli aggressori nel più breve tempo possibile.

Il sindaco del capoluogo pugliese, Antonio Decaro, ha affidato a un post su Facebook il suo punto di vista sull’accaduto. Tra le sue parole di dura condanna anche alcuni elementi emersi finora: “‘Sei di Bitonto, te ne devi andare da qui’.

Gli hanno detto così e poi hanno cominciato a picchiarlo, brutalmente“.

Sarebbe questa la prima ricostruzione dell’aggressione, riportata a chiare lettere dal primo cittadino. Il ragazzo sarebbe stato pestato perché bitontino, ma nello spettro delle indagini sarebbe finito anche un precedente.

Gli inquirenti indagano su un precedente

Secondo quanto emerso, sul tavolo degli inquirenti ci sarebbe un precedente degno di attenzione, e che potrebbe avere un collegamento con i fatti di Palese.

Pochi giorni prima dell’aggressione denunciata ai danni del 15enne, sarebbe stata segnalata una rissa tra giovanissimi nella stessa località. A scontrarsi sarebbero stati alcuni ragazzi di Bitonto e un gruppo di coetanei di Bari – Santo Spirito.

Il minorenne picchiato in spiaggia non avrebbe alcun collegamento con quanto successo in precedenza, ma non sarebbe escluso un ‘regolamento di conti’ in risposta alla vicenda pregressa. Al momento non è chiaro se gli impianti di videosorveglianza della zona possano aver cristallizzato i due episodi.